Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 22 Febbraio 2017 - Aggiornato alle 22:42 - Lettori online 850
MODICA - 13/01/2013
Attualità - Il 90 per cento della tassa di soggiorno assegnata all’organismo per la promozione

Modica: presentato Consorzio turismo, ma serve prospettiva

Il progetto della «città ospitale», non avrebbe infatti alcun senso al di fuori di un contesto provinciale e soprattutto se slegato dalle attività e dall’azione promossa dal Consorzio turistico degli Iblei
Foto Corrierediragusa.it

Operatori turistici, esperti, albergatori, ristoratori ed amministratori si sono interrogati sul futuro turistico della provincia nel corso del convegno tenutosi all’auditorium «Floridia». L’occasione è stata offerta dalla presentazione ufficiale del Consorzio che raggruppa aziende e singoli operatori della città. Il convegno, tuttavia, è servito anche ad allargare la prospettiva non limitandosi solo alla nascita del nuovo organismo. Questo, pur importante e decisivo per lo sviluppo turistico di quella che è stata definita «la città ospitale», non avrebbe infatti alcun senso al di fuori di un contesto provinciale e soprattutto se slegato dalle attività e dall’azione promossa dal Consorzio turistico degli Iblei.

Questo concetto è stato messo in chiaro da Nicolò Costa, docente di Sociologia del turismo a Tor Vergata, dal presidente di Federalberghi, Rosario Dibennardo, e dal presidente del Consorzio degli Iblei. Il Consorzio resta comunque un’idea innovativa in un contesto in cui ognuno è andato finora per la propria strada sia in termini di promozione, di commercializzazione e di offerta. Paolo Failla, presidente Ascom, ha illustrato gli scopi del Consorzio. Gestirà innanzitutto i proventi della tassa di soggiorno che il comune istituirà e farà da collante e punto di riferimento per ogni iniziativa di programmazione. Sarà organismo leggero e punterà al sodo con tempi di attuazione molto ristretti. Giorgio Cerruto, assessore al Turismo, ha assicurato che la delibera approvata in giunta, con la quale si destina il 90 per cento della tassa al Consorzio, arriverà al più presto per l’approvazione definitiva.

Paolo Failla si è posto anche un obiettivo e cioè fare di Modica «una meta obbligata per il viaggio in Sicilia dei turisti». Nicolò Costa ha invece ammonito tuti i presenti sulla necessità di fare sinergia ad ampio raggio perché nessuno può pensare oggi di fare da solo. «Modica è attrattore turistico oggi ma non ha ancora un’economia turistica sviluppata» ha detto. Le ricette del docente sono semplici come il potenziamento dell’esistente ed il miglioramento di un bene immateriale come il senso di ospitalità ben presente negli Iblei.

La relazione tra il Consorzio ed il Distretto turistico degli Iblei appare a questo punto decisiva anche perché in una prospettiva, ormai prossima, ha annunciato Rosario DiBennardo, c’è l’apertura dello scalo di Comiso che può rappresentare la chiave di volta dell’esplosione del turismo in tutto il Sud-est siciliano.

Nel corso dei lavori è stata presentata la prima guida bilingue della città, curata da Margherita Fargione con una elegante veste grafica e ricca di notizie, prodotta per conto dell’Ufficio turistico comunale con la collaborazione di sponsor privati.

(nella foto: da sin. Cerruto, Sammito, Costa)