Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 20 Agosto 2017 - Aggiornato alle 15:47 - Lettori online 1327
ISPICA - 12/08/2017
Attualità - Elaborate dal Movimento azzurro e da altre associazioni di categoria

Parco degli Iblei, arrivano proposte migliorative

Si chiedono nuovi corridoi ecologici e aree di pregio sia costiere sia dell’entroterra Foto Corrierediragusa.it

Proposte migliorative per la perimetrazione del Parco degli Iblei (foto) sono state elaborate nel corso di un incontro tenutosi ad Ispica per iniziativa delle associazioni del Movimento azzurro. Presenti anche i rappresentanti del Club felini di Catania e Ragusa, Laboratori tecnologici e chimici. Le proposte sono confluite in un documento, corredato da tavole planimetriche e allegati, che è stato inviato ai Commissari straordinari dei Liberi Consorzi Comunali di Ragusa e di Siracusa, al Sindaco della Città Metropolitana di Catania e ai sindaci dei Comuni interessati.

E´ stata proposta l’inclusione nel perimetro del Parco di nuovi corridoi ecologici e aree di pregio sia costiere (ricadenti nei comuni di Ispica e Pozzallo, Siracusa, Floridia e Lentini) che dell’entroterra (insistenti nei comuni di Mineo, Militello e Scordia) considerati indispensabili per una più compiuta definizione dell’identità territoriale degli Iblei. La proposta prevede, tra l’altro, la creazione del corridoio ambientale denominato «Omerico» tra Cava d’Ispica e Porto Ulisse, caratterizzato da aree d’interesse archeologico (zone archeologiche di Cava Ispica, Catacombe di San Marco, insediamento preistorico di Poggio Callarazzo e zone archeologiche di Porto Ulisse), ambientale e naturalistico (zone umide del pantano Longarini e del pantano Bruno), oltre la specifica ruralità del paesaggio lungo la Provinciale Bufali–Marza e la Ispica -Pozzallo. Questo corridoio metterebbe in collegamento l’entroterra con il Porto di Pozzallo, secondo un modello di valorizzazione e fruizione dei Parchi tipico del nord Europa.