Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 18 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 736
COMISO - 31/05/2017
Attualità - Il Piano integrato per il funzionamento dei servizi degli ospedali

Manager Asp diffidato dal sindaco di Comiso

I Pronto soccorso e le emergenze dell’urgenza sono i comparti più delicati Foto Corrierediragusa.it

Il Piano integrato per il funzionamento dei servizi degli ospedali riuniti di Vittoria e Comiso entri prima in piena funzione e poi si passi al taglio del Pronto Soccorso del Regina Margherita. Il sindaco Filippo Spataro (foto) ha diffidato il direttore generale dell’Asp di Ragusa ad attuare il nuovo piano sanitario in tutto e per tutto piuttosto che procedere innanzitutto ai tagli. I Pronto soccorso e le emergenze dell’urgenza sono i comparti più delicati dei servizi sanitari sul territorio e bisognerà stare attenti a garantirli seppure sotto altra forma e in altra sede. Il sindaco ha fatto presente che il Pronto soccorso del «Guzzardi» di Vittoria funziona con difficoltà legate alla struttura e soprattutto al personale, per cui la chiusura a Comiso aggraverebbe la situazione con notevole rischio per la salute dei pazienti. Filippo Spataro ha chiesto anche il servizio 118 sia organizzato meglio anche alla luce del taglio del Pronto soccorso comisano.

Altre proposte per il miglioramento dei servizi sono state avanzate dal sindaco, a cominciare dalla istituzione di un dipartimento funzionale integrato per la riabilitazione e le cure intermedie. Comiso ha chiesto anche che venga previsto un dipartimento di urologia, di Fisiopatologia respiratoria e di Otorino per realizzare una rete diffusa di servizi sul territorio. Si tratta di aggiustamenti e non di sconvolgimenti del piano sanitario che sono di pertinenza della direzione generale dell’Asp e che, secondo il sindaco Spataro, sono possibili con alcuni aggiustamenti nel corso dell’applicazione del piano.