Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 23 Luglio 2018 - Aggiornato alle 23:47
COMISO - 21/04/2013
Attualità - Il sindaco e l’assessore all’Urbanistica lo hanno presentato in conferenza stampa

Prg in dirittura d’arrivo dopo anni di polemiche

L’assessore Alberto Belluardo: «Il Prg punta al recupero del centro storico. Gli oneri di urbanizzazione saranno abbassati e compensati con i maggiori ricavi derivati dalle concessioni edilizie delle periferie». Il sì del Genio civile, ora confronto in Consiglio e invio all’assessorato regionale dopo osservazioni e controdeduzioni
Foto CorrierediRagusa.it

Si avvia verso la fase conclusiva la lunga vicenda del Piano regolatore generale di Comiso. il Genio civile ha dato parere favorevole, ora lo strumento urbanistico sarà presentato dal progettista Maurizio Erbicella al Consiglio comunale per poi essere trasferito all’Assessorato regionale al Territorio e Ambiente dopo le osservazioni e controdeduzioni.

Questo importante risultato per la città arriva dopo 5 anni di polemiche e di esposti e denunce presentate alla Procura della Repubblica per presunti interessi privati da parte del sindaco Giuseppe Alfano. Lo stesso sindaco, nel corso della conferenza stampa tenuta insieme all’assessore all’Urbanistica Alberto Belluardo (foto), ha riferito di essere stato assolto con formula piena dal giudice per le indagini preliminari.

Visibilmente soddisfatto l’assessore Belluaro, primario di Oculistica all’ospedale di Vittoria, nel riferire l’importante evento per Comiso che giunge dopo 5 anni di lavoro. «Con questo Prg- ha sostenuto il dottor Belluardo- si punta al recupero del centro storico di Comiso. Gli oneri di urbanizzazione saranno abbassati e compensati con i maggiori ricavi derivati dalle concessioni edilizie delle periferie».

Il sindaco Alfano ha ripetuto che «le linee direttive del Prg sono improntate al piano perequativo. In virtù di un sistema di compensazioni non ci saranno proprietari danneggiati dal fatto che sui loro terreni è prevista la costruzione di strade piazze e spazi verdi. Non si ripeterà quanto accaduto in passato, quando c’erano comisani di serie A e altri di serie B. Il Prg consentirà di assegnare l’assegnazione dei terreni sui quali edificare a diverse cooperative edilizie già autorizzate dal 1997, impossibilitati a costruire per mancanza di aree disponibili».