Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 22 Maggio 2018 - Aggiornato alle 20:43
COMISO - 15/02/2012
Attualità - Lo rende noto Fabio Fianchino

Sospensione della Tarsu dai garage per i comisani

Deroga anche per le cantine e i solai, se utilizzati solo saltuariamente

A seguito di quanto stabilito dalla Commissione Tributaria Regionale della Sicilia, in applicazione della Circolare ministeriale del 22 giugno 1994, secondo cui i locali accessori alle abitazioni come i garage, le cantine e i solai, utilizzati solo saltuariamente, non sono ricompresi tra le superfici assoggettate alla tassa sui rifiuti solidi urbani Fabio Fianchino, in qualità di presidente, ha convocato la Terza Commissione Consiliare per discutere e definire la questione, dal momento che i cittadini interessati possono chiedere al Comune la sospensione in autotutela dei pagamenti, senza che al riguardo occorra dimostrare l´utilizzo marginale del garage (e simili) e la mancata produzione dei rifiuti; basta infatti che il Comune classifichi l´immobile come garage.

«In un periodo come questo – ha affermato Fianchino - di grave crisi e con il Comune in dissesto finanziario, sarebbe giusto che questa amministrazione, se avesse a cuore le sorti della città e dei cittadini, alleggerisse, laddove possibile, il peso della tassazione; tanto più se si considera che, nel caso specifico, il servizio Tarsu - nonostante la buona volontà e gli sforzi sovrumani degli operatori ecologici, cui va tutta la nostra solidarietà - è del tutto inefficiente e, quindi, inefficace.

Corre invece voce che Alfano e i suoi seguaci vogliano aumentare indiscriminatamente e ulteriormente le tasse ai comisani, forse volendo ripianare i debiti che hanno prodotto col sangue dei cittadini. Corre voce che questa proposta di aumento della tassazione sarà presentata, a breve, in Consiglio Comunale per l’approvazione.

Noi speriamo che questo non accada, perché sarebbe davvero imbarazzante per Alfano giustificare da un lato tutti i privilegi di cui godono lui e i suoi «protetti» e dall’altro un nuovo inasprimento dei tributi».