Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 19 Giugno 2018 - Aggiornato alle 23:46
COMISO - 09/02/2012
Attualità - Positivo il vertice romano del sindaco del centro casmeneo

Dissesto Comiso fino al 2015. Buone nuove dal Viminale

Una ventata di ottimismo che arriva direttamente da Roma Foto Corrierediragusa.it

Il dissesto del comune di Comiso si concluderà entro il 2015. Una ventata di ottimismo che arriva direttamente dal Viminale. Ma la città sarà chiamata a fare notevoli sacrifici. Sono le novità che il sindaco Giuseppe Alfano (foto) ha comunicato dopo l´incontro romano.

Il sindaco Giuseppe Alfano, insieme al segretario generale del Comune Vincenzo Marano e al dirigente dell´area economico-finanziaria Biagio Fiorile, ha incontrato a Roma, nella sede del Ministero dell´Interno, il direttore centrale della finanza locale Giancarlo Verde per definire gli atti che l´Ente di piazza Fonte Diana dovrà adempiere dopo la dichiarazione di dissesto.

«Si è trattato di un incontro improntato alla massima disponibilità sia del direttore centrale sia degli uffici preposti che hanno assicurato la più ampia collaborazione nel seguire la vicenda riguardante la dichiarazione di dissesto del nostro Comune – ha dichiarato il sindaco Alfano - e su indicazione del Viminale stesso, in questa prima fase, l´Amministrazione predisporrà il bilancio preventivo 2011, soggetto alle valutazioni del Ministero dell´Interno. Un bilancio che potrà essere presentato in pareggio. Da ciò ne deriva che il quinquennio del dissesto si concluderà nel 2015.

Per il controllo degli atti da parte degli organi preposti per gli esercizi precedenti, invece, si partirà dal 2006. Credo che un attento controllo delle carte farà venire a galla le incongruenze e quant´altro riconducibile alla gestione allegra e fantasiosa della finanza comunale dell´allora Amministrazione in carica. Per il presente, possiamo dire con soddisfazione che dall´esercizio 2011 in poi non avremo difficoltà a presentare bilanci in equilibrio. Nel corso dell´incontro col direttore centrale della finanza locale, si è convenuto altresì di instaurare una rapporto di concertazione continua col Ministero dell´Interno per affrontare le varie complicazioni derivanti dal dissesto.

E´ chiaro che in questi anni la città è chiamata a notevoli sacrifici, ma è questa una situazione inevitabile dopo le gestioni economiche-finanziarie di chi mi ha preceduto. Si tratta - ha concluso il sindaco - di un periodo comunque transitorio che darà una ritrovata serenità economica all´Ente e rappresenterà la molla che farà scattare un nuovo processo di sviluppo per la città».