Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 21 Aprile 2018 - Aggiornato alle 17:56
COMISO - 16/01/2012
Attualità - L’albero della discordia fa litigare Puglisi e Cassibba

Via pini e ficus di piazza Marx, Puglisi attacca Cassibba

Il consigliere della lista La Torre critica la decisione di spogliare la città di alberi pluridecennali. L’assessore: «Il costo è risibile, pianteremo 18 palme»
Foto CorrierediRagusa.it

L’albero della discordia. Maggioranza e opposizione si attaccano a «colpi di albero». Pasquale Puglisi (lista La Torre) accusa l’assessore Roberto Cassibba (foto) di avere sradicato alberi pluridecennali e vegeti. «I Comisani – scrive Puglisi in una interrogazione presentata - hanno assistito esterrefatti all’espianto di parecchi grandi alberi pluridecennali (i pini della Scuola «Saliceto», i ficus di piazza Marx) che, non solo ha spogliato il centro storico di buona parte dell’esiguo verde pubblico esistente, ma ha avuto anche un costo economico rilevante per le disastrate casse comunali».

Nell’interrogazione, il consigliere Puglisi chiede: a quanto ammonta la spesa per l’espianto, il trasporto e il reimpianto, se effettivamente previsto, degli alberi di piazza Marx e di via Veneto, oltre all’importo dei relativi progetti; se non si ritenga assai inopportuno privare i cittadini del verde gravando per di più la spesa sulle casse comunali in un momento particolarmente delicato in cui l’ente si accinge a dichiarare il dissesto finanziario; se tutt’al più non si ritenga fosse stato doveroso ed opportuno intervenire, data la precarietà, sulla struttura e sui tetti del complesso dell’ex manifattura Tabacchi.

Risponde l’assessore Cassibba: «Come sempre tanto strepito per nulla. Intanto gli alberi saranno ripiantumati nei pressi di via Biscari, tre per l’esattezza, e 15 saranno a breve allocati in un’area interna all’aeroporto Magliocco. Per quanto concerne le spese relative, il costo di sradicamento è di circa 300 ad albero e di circa 400 la ripiantumazione. Infine, voglio tranquillizzare il consigliere Puglisi perché questi costi non sono a carico dell’amministrazione, ma sono stati inseriti nel finanziamento complessivo di 120 mila euro, derivato dal mutuo contratto con cassa depositi e prestiti». In conclusione, l’assessore ha anche spiegato che i 18 alberi divelti, saranno sostituiti da 18 palme.