Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 20 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 9:16 - Lettori online 1052
ACATE - 30/03/2017
Attualità - L’impianto di contrada Canale da sempre crea problemi ambientali

Acate, progetto depuratore pronto per finanziamento

Il progetto prevede successivamente l’eliminazione di tutti i pozzi neri ubicati nelle zone periferiche Foto Corrierediragusa.it

La Giunta Comunale di Acate ha approvato il progetto di miglioramento del depuratore di contrada Canale (foto). La giunta Raffo intende così dare una risposta alle attese dei cittadini preoccupati per il costante aumento dei casi dii tumore nel territorio. Il progetto sarò presentato all’assessorato regionale al Territorio e Ambiente e prevede una spesa di 980 mila euro, già inserito in una corsia preferenziale. «E’ una data storica- ci tiene a sottolineare il sindaco Francesco Raffo- per i cittadini ed anche per me. E’ la mia prima risposta alla iniziativa, portata avanti recentemente da numerosi cittadini, finalizzata a porre all’attenzione dell’opinione pubblica e delle forze politiche la crescita esponenziale dei casi di tumore. La mia battaglia parte dal depuratore perché sono convinto che l’inquinamento ne è una delle cause.

Il sindaco ha infatti ricordato come in una relazione alla Commissione Ambiente del Senato viene riportato che «il Comune di Acate negli anni passati ha riversato per il 98% i reflui provenienti dalle condotte fognarie direttamente nel corpo recettore, rappresentato dal fiume Dirillo, senza alcun tipo di pretrattamento o di trattamento di disinfezione. Il tutto con gravi omissioni manutentive prolungate nel tempo, imputabili, a vario titolo, a tutti gli amministratori e funzionari comunali». Il progetto prevede successivamente l’eliminazione di tutti i pozzi neri ubicati nelle zone periferiche e l’eliminazione totale delle vasche di raccolta fognaria ubicate nel centro abitato.