Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 23 Settembre 2018 - Aggiornato alle 20:53
VITTORIA - 28/02/2018
Attualità - Al lavoro la commissione Assetto e territorio

Tutela del mare e della costa: anche Vittoria si impegna

Lo assicura il presidente Giuseppe Scuderi Foto Corrierediragusa.it

Anche l’Amministrazione comunale di Vittoria si sta impegnando a tutela della salute del mare e della costa sulla falsariga di quanto già avviene in altre zone della provincia di Ragusa. E’ quanto emerso durante i lavori della commissione Assetto e territorio convocata dal presidente Giuseppe Scuderi (foto) e dalla vicepresidente Monia Cannata. In primo piano la necessità di ottenere chiarimenti in merito alle iniziative portate avanti dalla Giunta municipale con riferimento alle istanze di esplorazione ai fini della ricerca di idrocarburi da parte di Eni. Una scelta ben precisa, quella voluta da Scuderi e Cannata, dopo che l’associazione Fare Verde Vittoria aveva sollevato, sui social, un pressante interrogativo. Da qui la necessità di convocare una seduta della commissione per ottenere dagli uffici e dall’assessore al ramo Paolo Nicastro i dovuti chiarimenti. Ed è stato proprio quest’ultimo a chiarire i dettagli della linea adottata dall’Amministrazione comunale, vale a dire l’opposizione ad attività che compromettono gli equilibri florofaunistici delle nostre acque.

«Abbiamo preso atto della posizione manifestata dalla Giunta Moscato a tutela delle nostre bellezze naturali e del delicato equilibrio dell’ecosistema – spiegano Scuderi e Cannata – ci dispiace che ci sia chi continua a sollevare polemiche sterili senza assumere circostanziate informazioni sui passi portati avanti, in questo caso, dal Comune. A ogni modo, la commissione consiliare proseguirà i propri lavori con la creazione di un tavolo tecnico in cui coinvolgeremo gli altri Comuni interessati. Tutto ciò con l´auspicio che si possa formare un fronte unico contro una serie di decisioni che rischiano di portare all’imbarbarimemto delle nostre coste».