Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 16 Agosto 2018 - Aggiornato alle 19:35
VITTORIA - 13/02/2018
Attualità - Intervengono Rocco Candiano e Giorgio Stracquadanio dell’associazione di categoria

La Cna di Vittoria dice "No" alla tassa di soggiorno e spiega il perchè

"Occorre prima concretizzare e consolidare i servizi indispensabili che devono qualificare la nostra zona" Foto Corrierediragusa.it

La Cna comunale di Vittoria ha inviato una nota al sindaco e all’assessore ai Tributi avente ad oggetto la ventilata ipotesi dell’amministrazione cittadina di predisporre un regolamento sulla tassa di soggiorno. «Abbiamo sentito alcuni operatori del settore – affermano Rocco Candiano e Giorgio Stracquadanio dell’associazione di categoria (foto) – che manifestano una certa contrarietà a questa nuova imposta. Tra i motivi il fatto che esistono diverse forme di attività ricettive poco legali o, addirittura, abusivi. E, quindi, difficili da individuare. Tutto ciò comporterebbe il fatto che si rischierebbe di fare pagare questa nuova «tassa» soltanto ai clienti che saranno ospitati nelle strutture ricettive legalmente registrate. Inoltre, ci è stato da più parti sottolineato come il territorio, seppure interessante da un punto di vista turistico, risulta non essere ricchissimo di servizi.

Ecco perché la Cna ritiene che sarebbe prima auspicabile - prosegue la nota -
concretizzare e consolidare i servizi indispensabili che devono qualificare la nostra zona e poi istituire l’imposta. Abbiamo presentato anche delle modifiche alla proposta di regolamento che ci è stata sottoposta. E, in ogni caso, se proprio l’intenzione dell’amministrazione comunale è quella di procedere in questa direzione, chiediamo che la tassa di soggiorno possa entrare in vigore a partire dalla stagione 2019 visto che ormai, per quanto concerne il 2018, la programmazione sta quasi per concludersi e non avrebbe senso, dunque, gravare le attività del settore di questo ulteriore balzello senza che sia stato fornito un preventivo annuncio alla clientela. Come Cna comunale, in ogni caso - concludono Candiano e Stracquadanio - siamo disponibili al confronto per apportare eventuali migliorie allo schema già predisposto».