Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 18 Novembre 2018 - Aggiornato alle 18:34
VITTORIA - 17/01/2018
Attualità - Riunione operativa alla Sala degli specchi

Area Emaia nel degrado: chi sporca, pagherà salato

Controlli rigidi da parte della polizia locale Foto Corrierediragusa.it

L´area dell´Emaia dove si svolge il mercatino del sabato versa nel degrado e l´amministrazione comunale non ci sta. Nella Sala degli Specchi di Palazzo Iacono, il sindaco Giovanni Moscato, il vice sindaco Andrea La Rosa, l´assessore allo Sviluppo Economico Valeria Zorzi, il consulente allo Sviluppo Economico Nello Dieli e il comandante della Polizia Municipale Cosimo Costa hanno preso parte ad un incontro con i rappresentanti degli operatori commerciali del Mercato del sabato che si tiene nell´area della Fiera Emaia. «Ho convocato l´incontro- spiega il primo cittadino – dopo aver appurato lo stato di degrado in cui versa l´area del mercatino alla fine di ogni sabato. L’ultimo sopralluogo di sabato scorso effettuato dal vicesindaco ha fatto emergere un quadro di sporcizia non accettabile e non più tollerabile.

Così ho comunicato personalmente ai rappresentanti del Mercatino che da oggi ci sarà tolleranza zero e la polizia locale, secondo la leggi regionali che regolamentano il commercio in aree pubbliche (la n.18 del primo marzo 1995) procederà a sanzionare gli incivili. Le sanzioni ammontano da 103 sino a un massimo di 516 euro e non ci sarà alcuna scusa per nessuno: nell´area infatti ci saranno gli scarrabili per l´umido e per la cassette di legno predisposti dall´azienda di igiene urbana e tutti gli operatori saranno tenuti a differenziare i rifiuti lasciando nei sacchi plastica, carta e secco indifferenziato. Gli incivili non saranno tollerati e faremo valere al massimo le prerogative che la legge ci dà. Spero che il messaggio venga recepito e che l´amministrazione - conclude il sindaco - non venga costretta a perseguire misure di controllo e di repressione ancora più rigide».