Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 17 Dicembre 2017 - Aggiornato alle 22:06 - Lettori online 555
VITTORIA - 06/12/2017
Attualità - La vicenda dell’interruzione del servizio

Moscato su gestione rifiuti: "Sanzioni"

Pugno duro del sindaco Foto Corrierediragusa.it

Pugno duro del sindaco Giovanni Moscato (foto) sulla gestione dei rifiuti solidi urbani a Vittoria e sull´interruzione del servizio. In una nota il primo cittadino specifica che "Nessuno può permettersi di prendere in giro i vittoriesi e i disservizi causati dalla mancata raccolta incideranno pesantemente: sono state già inviate le diffide che porteranno a pesanti penali economiche per la ditta. I dipendenti dell´azienda Ef hanno promosso delle assemblee sindacali che hanno ridotto, sin da oggi, l´orario lavorativo. I disservizi sono sotto gli occhi di tutti nonostante questa Amministrazione sia, una delle poche, che abbia sempre pagato le aziende di igiene urbana in maniera puntuale e senza ritardi. Il contratto - prosegue Moscato - prevede il pagamento entro 60 giorni dall´emissione delle fatture e noi paghiamo, di solito, entro i primi 15 giorni.

Nonostante ciò si è scelto deliberatamente di fare del male alla città facendo pagare un disagio notevole ai vittoriesi. Siamo stati sempre aperti e sensibili alle esigenze dei lavoratori dell´azienda privata tanto che, proprio ieri, abbiamo incontrato le sigle sindacali fornendo ampie garanzie sui pagamenti, con i mandati alla mano, e chiedendo al neo amministratore giudiziario dell´azienda un vertice anche alla presenza degli esponenti sindacali che si terrà giorno 7 dicembre.

L´amministrazione ha preso e rispettato i propri impegni e ha aperto le porte del dialogo. C´è chi, evidentemente - aggiunge il sindaco - sta irresponsabilmente scegliendo di danneggiare la città e se ne assumerà le conseguenze. Conseguenze che si tradurranno in un conto economico molto salato per l´azienda che si vedrà costretta a pagare penali su penali con tutte le conseguenze del caso. La città - ha concluso il primo cittadino - non può pagare le colpe degli altri".