Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 24 Novembre 2017 - Aggiornato alle 0:31 - Lettori online 459
VITTORIA - 10/11/2017
Attualità - La presa di posizione di Assipan Sicilia

In Sicilia pane fresco nei festivi e di domenica

Per l’associazione il decreto su «Disposizioni relative alle attività di panificazione» non è un passo indietro Foto Corrierediragusa.it

Prosegue l’attività operativa e sindacale dell’Assipan Sicilia all’indomani della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del nuovo decreto regionale «Disposizioni relative alle attività di panificazione» con il quale vengono sancite regole e disposizioni generali riguardo la disciplina della «turnazione».

Uno dei punti essenziali del decreto, rileva l´associazione dei panificatori, è costituito dal margine di chiusura dell’attività commerciale nei giorni domenicali e festivi, con possibilità di turnazione da parte dei panificatori dell’isola. Dunque non è affatto vera –così come erroneamente interpretata da Cna Regionale e Confartigianato Palermo– l’ipotesi di non poter più disporre in Sicilia di pane fresco nei giorni di festa e la domenica. L’Assipan disapprova pertanto il concetto di «Decreto che segna un ritorno al passato» e di «favoreggiamento alla vendita abusiva» più volte sostenuto dalle organizzazioni di categoria, in quanto lo stesso atto amministrativo, oltre ad assicurare maggiore tutela da parte delle Istituzioni e delle Forze dell’Ordine, nasce dalla piena e condivisa volontà dei panificatori e di tutte le associazioni datoriali, di cui Cna Regionale e Confartigianato Palermo non rappresentano certo le maggiori aspettative. L’Assipan regionale non ha fatto altro che dare voce a queste datate esigenze, ascoltando i protagonisti del settore che rappresenta, ovvero i panificatori, lottando in asse sindacale per la creazione prima, e attuazione dopo, del neo Decreto assessoriale.