Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 22 Settembre 2018 - Aggiornato alle 23:45
SCICLI - 10/02/2018
Attualità - Le vittime del naufragio del 19 gennaio nel Canale di Sicilia

Le 2 piccole bare bianche dei neonati morti in mare

L’amministrazione comunale ha voluto officiare le esequie alla presenza dell’Imam Ziri Salem e di don Giuseppe Agosta, con un rito interreligioso Foto Corrierediragusa.it

Due piccole bare bianche. Il cimitero di Scicli ha accolto le spoglie di due neonati migranti, un maschietto e una femminuccia, di neanche tre mesi, figli di due donne etiopi che il 19 gennaio sono naufragati nel Canale di Sicilia.
L´amministrazione comunale ha voluto officiare le esequie alla presenza dell´Imam Ziri Salem e di don Giuseppe Agosta, con un rito interreligioso, cui hanno partecipato il sindaco Enzo Giannone, il vice Caterina Riccotti, il presidente del consiglio Danilo Demaio, il viceprefetto Silvio Ciarcià, la responsabile dell´Hotspot di Pozzallo Emilia Pluchinotta, e singoli cittadini. Alla cerimonia funebre erano presenti le due giovani mamme dei neonati, ospiti del Centro Mediterranean Hope di Scicli.

Un momento di preghiera in arabo e uno in italiano hanno salutato la breve vita dei due neonati che non sono scampati al naufragio che ha coinvolto 377 migranti in cerca di un futuro migliore. Scicli conferma dunque la sua vocazione all´accoglienza, la sua natura di terra in grado di sostenere i minimi fratelli nella vita, nella morte, nel dolore, nella speranza.