Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 22 Luglio 2018 - Aggiornato alle 18:40
SCICLI - 15/12/2017
Attualità - Dopo anni di attesa

Circonvallazione aperta: sarà intitolata a Drago?

La soddisfazione del sindaco Giannone Foto Corrierediragusa.it

Dopo anni di attesa è stata finalmente consegnata dal Dipartimento della protezione Civile di Ragusa al Comune di Scicli la nuova circonvallazione della città, ovvero la prosecuzione di via Noce. Il Sindaco di Scicli Enzo Giannone, dopo aver fatto predisporre la segnaletica necessaria, ha disposto l’immediata apertura della circonvallazione al traffico veicolare (foto). «E’ con grande soddisfazione – dice il sindaco Enzo Giannone - che, dopo mesi di impegno costante e serrato dell’Amministrazione comunale, finalmente, dopo anni di lungaggini burocratiche, la circonvallazione ovest di Scicli viene aperta. L’Amministrazione comunale di Scicli ha sollecitato con fermezza la stazione appaltante a definire l’iter tecnico-amministrativo affinché un’opera così importante potesse essere messa a disposizione della città. Per ultimo è stato necessario riparare i danni causati alla gabbionata dall’alluvione del 21 e 22 gennaio 2017. Grazie anche all’intervento del Prefetto di Ragusa Maria Carmela Librizzi, tutto ciò è avvenuto e la strada è ora fruibile da parte dei cittadini sciclitani».

L’apertura della circonvallazione consentirà, oltre a collegamenti più celeri tra la periferia e il centro, anche con il superamento del passaggio a livello di via Ospedale il passaggio dell’ambulanza del 118 che potrà essere medicalizzata, potenziando in tal modo il servizio di primo soccorso, così come da impegno assunto in prefettura dal commissario dell´Asp di Ragusa Salvatore Lucio Ficarra. «Non ho voluto nessuna cerimonia pubblica di inaugurazione per due motivi - aggiunge il sindaco - il primo perché mi ritengo, da «ragazzo di Iungi», come qualcuno mi ha definito, un uomo del fare concreto e non dello sterile parlare a vuoto. Ed evito e non mi curo di orpelli, passerelle e palcoscenici vari; il secondo perché credo che ci sia poco da festeggiare per un’opera pubblica i cui lavori hanno avuto una durata molto lunga e il cui iter amministrativo che ha portato all’apertura ha avuto un’accelerazione solo nel 2017. Piuttosto che celebrare ci sarebbe solo da chiedere scusa ai cittadini di Scicli per questi ritardi di anni". Infine il sindaco ha voluto fare una dedica, che è anche un ricordo personale: «Aprendo questa strada - aggiunge - non posso non ricordare l’onorevole Peppe Drago, sciclitano di nascita e sempre legato a Scicli, al cui impegno politico risalgono molte delle opere pubbliche realizzate in provincia di Ragusa negli ultimi anni, compresa questa strada.

Da giovane, impegnato in una parte politica avversa alla sua, l’ho combattuto politicamente ma riconoscendogli sempre la statura di un politico dalle grandi visioni. Confesso pubblicamente che se oggi sono sindaco di Scicli, lo devo anche ad un suo sprone a tornare all’impegno politico diretto, avvenuto poco prima che venisse a mancare. Ritengo che la comunità ragusana debba forse onorare meglio la sua storia e il suo impegno. Per quanto mi riguarda lo farò proponendo al Consiglio comunale - conclude - di intitolare la circonvallazione di Scicli alla sua memoria».