Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 20 Novembre 2017 - Aggiornato alle 14:38 - Lettori online 1142
SCICLI - 14/10/2017
Attualità - Relax e divertimento con la bella moglie ed alcuni amici

Magnate russo negli Iblei con lo yacht

Una imponente imbarcazione da 450 milioni di euro Foto Corrierediragusa.it

Per il pranzo Andrey Melnichenko non poteva scegliere di meglio. Ha ordinato al capitano del suo yacht di gettare l’ancora al centro della baia di Sampieri in un primo pomeriggio caldo e invitante per il mare piatto. Visto che la vita a bordo del suo "Sailing Yacht A», (foto), di ben 142,81 metri di lunghezza che ne fanno uno dei più grandi al mondo, in onore della avvenente moglie Alexandra, ex modella e cantante serba, può risultare anche monotona ha pensato bene di farsi attrezzare un tendone nella zona di Baia Samuele. Qui i suoi ospiti sono arrivati a bordo di un catamarano che ha attraccato a pochi metri dalla battigia. Qualche sorso di champagne accompagnato da caviale beluga con lo sfondo del Pisciotto per una giornata che il magnate russo, con interessi nell’energia, dalcarbone all’elettricità, non dimenticherà. Il suo periplo della Sicilia ha toccato i luoghi più esclusivi e la tappa iblea tra Marina di Ragusa e Pozzallo ha avuto come momento culminante il pranzo a Sampieri. Una sosta di un paio d’ore e poi via sulla rotta mediterranea.

Il "Sailing Yacht A» è costato al magnate 450 milioni di euro, una bazzecola rispetto ai 13 miliardi e mezzo di patrimonio di cui è accreditato da Forbes. A costruire lo yacht ci hanno pensato i cantieri di Nobiskrug su disegni esclusivi di Philippe Starck. Linee morbide, apparentemente poco luminose, ma per chi ha avuto la fortuna e privilegio di salire a bordo il lusso si tocca in tutti gli angoli a cominciare dai rubinetti dei bagni. Quanto al comfort, Melnichenko non si è fatto mancare veramente nulla. A cominciare dal serbatoio che ha un’autonomia di 6500 miglia nautiche. Da Londra a Città del Capo senza la scocciatura di fermarsi a fare gasolio.

Inoltre una super-piattaforma consente al suo elicottero privato di decollare e atterrare a bordo, anche in pieno Oceano Atlantico, casomai qualche impegno di lavoro lo costringesse a ritardare la partenza. Per il relax di Andrey e dei suoi ospiti le tre piscine della nave, decappottabili a seconda delle condizioni atmosferiche e programmabili con effetto onda Per non parlare del garage per i motoscafi e le moto d’acqua, che all’occorrenza si trasforma in discoteca-acquario