Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 23 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 20:20 - Lettori online 738
SCICLI - 09/10/2017
Attualità - Manca la consegna formale dell’opera da parte della Protezione Civile

Circonvallazione ovest chiusa: il sindaco preme

Il Dipartimento regionale ha rassicurato l’amministrazione. Un problema anche per il "Busacca" Foto Corrierediragusa.it

Manca il collaudo e la Circonvallazione Ovest della città (foto) resta chiusa. La sua apertura è stata annunciata a più riprese ed è sta anche oggetto di campagne ed iniziative elettorali ma il risultato è sotto gli occhi di tutti. La chiusura della circonvallazione, tra l’altro, impedisce che i servizi di emergenza al «Busacca» siano tutti attivati perché, come dichiarato dal commissario straordinario dell’Asp 7, non si può rischiare di incorrere nella chiusura del passaggio a livello che si trova lungo il tragitto che porta dal centro città all’ospedale. L’amministrazione comunale dal suo canto ha chiarito che la sede stradale della circonvallazione è stata danneggiata dall’alluvione del gennaio scorso e che non non è stata prevista alcuna illuminazione. Inoltre il sindaco non è ancora in possesso della consegna formale dell’opera da parte della Protezione Civile che ha finanziato i lavori né ha avuto notizie in merito.

Il sindaco ed i funzionari del comune hanno avuto un incontro a Palermo con il capo del Dipartimento della Protezione civile regionale che ha dato rassicurazioni sia sul ripristino delle parti danneggiate sia sulla conclusione del collaudo, e ha anche confermato l’inserimento nella prossima programmazione europea della prosecuzione della circonvallazione in direzione di Modica, come richiesto dal comune. Dice il sindaco Enzo Giannone: «
Trattandosi di un’opera pubblica rilevante e per la quale sono state spese ingenti risorse pubbliche, un sindaco e un’amministrazione comunale, insieme ai loro uffici, hanno certamente il dovere di sollecitarne la possibilità di fruizione da parte dei cittadini ma hanno anche il dovere di accertare la perfetta e regolare esecuzione della stessa: tutto questo abbiamo chiesto da gennaio ad ora».