Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 24 Novembre 2017 - Aggiornato alle 0:31 - Lettori online 415
SCICLI - 25/08/2017
Attualità - Coinvolti nel progetto anche i sindaci di Catania, Siracusa e Modica

Noto e il Val di Noto Capitale della cultura

E’ emerso forte il senso di appartenenza allo smagliante territorio della Sicilia sudorientale Foto Corrierediragusa.it

Si è tenuta nella sala giunta del Comune di Noto, su convocazione del sindaco della città netina Corrado Bonfanti (che rappresentava anche il comune di Palazzolo Acreide), una riunione operativa per la candidatura del Val di Noto a Capitale italiana della cultura 2020 (foto). Erano presenti il sindaco di Caltagirone Gino Ioppolo, di Scicli Enzo Giannone, di Militello Val di Catania, Giovanni Burtone, il direttore del Distretto turistico del Sudest Fabio Granata, e Luca Introini, di Fedelculture, società che sta redigendo il dossier per la candidatura. La riunione ha fatto seguito a un precedente incontro con le altre città e i sindaci coinvolti nel progetto (Catania, Siracusa e Modica), concludendo così un iter istruttorio organizzativo che permetterà la presentazione, il prossimo 15 settembre, della candidatura al Ministero dei Beni Culturali.

In entrambi gli incontri è emerso forte il senso di appartenenza allo smagliante territorio della Sicilia sudorientale in un´ottica di governance territoriale unitaria e di precisa volontà di «riguardare» le radici culturali e storiche che hanno determinato l´identità del Val di Noto.