Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 22 Luglio 2017 - Aggiornato alle 1:00 - Lettori online 332
SCICLI - 23/12/2016
Attualità - Un storia triste per fortuna a lieto fine. Per ora

VIDEO Volevano sfrattarlo a Natale

Nella vicenda è interessata la Monte dei Paschi di Siena, già nella bufera in ambito nazionale per i ben noti fatti Foto Corrierediragusa.it

Ha rischiato di essere sfrattato l’antivigilia di Natale, un uomo originario del Nord Italia, ma che ormai da anni vive a Scicli. L’ufficiale giudiziario puntuale si è presentato a notificare lo sfratto (vedi video servizio Canale 74)


Alla fine, anche grazie alla mediazione del gruppo dei Forconi, si è riusciti a raggiungere un accordo ed è stata concessa una proroga fino al 4 febbraio, come peraltro richiesto dallo stesso inquilino, che non si è mai opposto allo sfratto, chiedendo solo più tempo per preparare la nuova abitazione. Enrico Defabianis, ha perso la sua casa all’asta: una villetta in contrada Papazza vicino Sampieri del valore stimato di 980 mila euro, venduta per 260 mila  euro. L’uomo aveva contratto un debito con la Monte dei Paschi di Siena di 300 mila euro e adesso, l’istituto di credito già al centro della bufera a livello nazionale in quanto in odor di salvataggio statale per evitare il default, stando a quanto riferito dai Forconi chiederebbe anche i 40 mila euro di differenza per saldare il debito. Defabianis, la cui moglie attualmente non sta bene, come accennato, aveva già chiesto un proroga per avere il tempo materiale di trasferirsi in una nuova casa, ma inizialmente il Tribunale gliel’aveva negato questa possibilità. Mariano Ferro, leader dei Forconi,  hadenunciato ancora una volta il grave problema delle aste giudiziarie in Sicilia. Una vicenda che suona ancora più ingiusta, all’antivigilia di Natale, mentre il governo si prepara a emanare nuovi provvedimenti d’emergenza per salvare ghli istituti bancari e i cittadini comuni sono gli unici a farne le spese.


Hanno collaborato Chiara Carbone e Carmelo Riccotti La Rocca