Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 30 Aprile 2017 - Aggiornato alle 18:13 - Lettori online 604
SCICLI - 23/12/2016
Attualità - Sottoscritta ed operativa la convenzione con la "Fondazione Bonino Pulejo" di Messina

Scicli: al "Busacca" 24 posti per riabilitazione di neurolesi

Progetto operativo dal 1 gennaio, l’Asp assicurerà locali e logistica Foto Corrierediragusa.it

L’azienda sanitaria ha sottoscritto la convenzione con il Centro neurolesi Bonino Pulejo» di Messina per la gestione di 24 posti nei locale dell’ospedale Busacca (foto). Sarà attivato un programma di assistenza e ricerca su pazienti bisognosi di neuroriabilitazione intensiva, tradizionale e robotizzata.

L’attività potrà cominciare con 12 posti letto nei locali che l’ASP metterà a disposizione a partire dal 1 gennaio ma non appena sarà pronto il padiglione N, entro il 30 aprile, i posti letto potranno essere portati ai 24 previsti a pieno regime. L’IRCCS procederà ad assumere direttamente il personale e formarlo per lo scopo, l’azienda assicurerà i locali e la logistica.

Soddisfazione esprime il Direttore Generale, Dr. Maurizio Aricò, «È una vittoria delle istituzioni: per questo obbiettivo abbiamo lavorato insieme alla Direzione dell’IRCCS, guidato dall’Arch. Angelo Aliquò, al Comune di Scicli, oggi guidato dal Sindaco Enzo Giannone, all’Assessore Baldo Gucciardi. Ringrazio tutti loro perché la sinergia è risultata ancora una volta vincente. La collaborazione tra enti pubblici potrà garantire la massima trasparenza e la massima efficienza. Credo che questa sia la maniera migliore di dimostrare concretamente alla cittadinanza di Scicli che la collaborazione con la amministrazione comunale garantirà un futuro nuovo e di qualità per l’Ospedale di Scicli. Nessuna chiusura, anzi un potenziamento negli ambiti che rispondono alla vera vocazione di un presidio come il Busacca».