Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 23 Novembre 2017 - Aggiornato alle 20:23 - Lettori online 649
SANTA CROCE CAMERINA - 12/07/2017
Attualità - Mancanza di pulizia degli spazi comuni come spiaggia e strade

Oasi Cannitello: degrado ambientale, protesta residenti

Sulla carta è Riserva protetta ma nella realtà è un invaso maleodorante di rifiuti di ogni genere Foto Corrierediragusa.it

L’estate di Torre di Mezzo-Cannitello sembra scorrere, anche per questa stagione, con lo stesso livello di degrado ambientale e strutturale degli anni passati. Il grido di allarme sale da alcuni residenti dei quali si fa portavoce Claudio Fidilio, un residente da tanti anni nella borgata, vittoriese di nascita veronese di adozione, che, da militare in pensione e cittadino del nord, non si rassegna ad assistere inerme al continuo scempio ambientale della zona e ai disservizi di cui è vittima la popolazione della borgata. A Torre di Mezzo c’è l’Oasi di Cannitello, un invaso naturale creato da una fonte vicina (foto) e che alimenta un fiumiciattolo di poche decine di metri che sbocca subito in mare. L’Oasi di Cannitello è, sulla carta, una Riserva protetta ma nella realtà è invece un invaso maleodorante di rifiuti di ogni genere che in parte rimangono nell’invaso e in parte vengono sversati in mare. Claudio si domanda a chi tocca risanare il sito e riportarlo nella condizione di habitat naturale nel vero senso del termine. Dall’Oasi di Cannitello al resto della borgata di Torre di Mezzo lo scenario è altrettanto degradato.

I residenti lamentano mancanza di pulizia degli spazi comuni come spiaggia e strade, mancato rispetto dell’ordinanza di pulizia da erbacce e sporcizie varie delle aree non fabbricate, scarsa e irregolare pulizia dei cassonetti dei rifiuti solidi, mancato ripristino dei cassonetti vecchi dell’immondizia. Una piccola delegazione di residenti, fra cui il nostro Claudio, si è fatta ricevere dal neosindaco Barone e dall’assessore all’ambiente Di Martino denunciando lo stato delle cose e richiedendo opportuni interventi, visto che la stagione estiva è ormai inoltrata e ogni giorno che passa è un aggravio maggiore alla mancata fruizione della zona, della spiaggia e della borgata. Gli amministratori hanno promesso interventi ma fino ad oggi nulla è stato fatto. I residenti pare che vorranno costituirsi in comitato permanente per cercare di far valere le loro aspettative da anni attese.