Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 21 Agosto 2018 - Aggiornato alle 14:28
RAGUSA - 21/05/2018
Attualità - Da piazzale Zama a piazza S. Giovanni sfilano circa 200 partecipanti

Ragusa: protesta No Muos con corteo molto partecipato

Programmato campeggio presso la base dal 2 al 5 agosto per preparare la manifestazione nazionale Foto Corrierediragusa.it

I comitati ´No Muos´ sono scesi in piazza per ribadire il no alla guerra e all’impianto satellitare di Niscemi. Nel capoluogo sono confluiti i rappresentanti dei vari comitati siciliani anche se la partecipazione non è stata molto nutrita. Circa 200 persone hanno sfilato preceduti dallo striscione «Riprendiamoci il futuro» da piazzale Zama verso Piazza S. Giovani dove il variopinto corteo si è poi sciolto dopo l’intervento di alcuni degli organizzatori, tra cui Pippo Gurrieri del Cub Ragusa. Non è mancata la foto di rito sulle scale della cattedrale nella quale sono stati accomunati due sposi appena usciti dalla funzione religiosa (foto). L’appuntamento con la marcia nel capoluogo ibleo è i primo di una serie tra quelli programmati. Il prossimo si terrà, infatti, il 30 giugno a Caltagirone. E’ stato poi programmato un campeggio presso la base di contrada Ulmo dal 2 al 5 agosto per preparare la manifestazione nazionale dei No Muos.

I comitati hanno scritto in un documento: "Lottiamo per l’autodeterminazione dei popoli e per il diritto di tutte e di tutti a una vita libera fatta di uguaglianza con giustizia sociale. In questo momento ci sentiamo vicini e solidali con il popolo palestinese che persegue il suo diritto a vivere in pace sulla propria terra, vittima dell’ennesimo massacro da parte dell’esercito israeliano. Il movimento No Muos nell’alzare le proprie bandiere sa di innalzare anche quelle di tutti i movimenti che in maniera autorganizzata, mediante la pratica della democrazia partecipativa e dell’azione diretta, rivendicano il diritto delle popolazioni a decidere sul proprio destino».