Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 20 Giugno 2018 - Aggiornato alle 23:31
RAGUSA - 01/03/2018
Attualità - Lo rende noto il direttore del Servizio di Epidemiologia dell’Asp

Obbligo vaccinale, niente proroga. Legge applicata pure negli Iblei

Ci sono anche delle eccezioni appositamente regolamentate Foto Corrierediragusa.it

Il dottore Giuseppe Ferrera (foto), direttore del Servizio di Epidemiologia dell’Asp di Ragusa, comunica che dal 12 marzo 2018 la frequenza scolastica, agli asilo nido e prima infanzia, sarà possibile solo ai bambini in regola con le vaccinazioni. Chi ha presentato l’autocertificazione dovrà dimostrare di aver fatto le vaccinazioni mancanti. In alternativa i genitori dovranno produrre, attestato rilasciato dai centri vaccinali dell’Asp, apposito appuntamento con la data per l’effettuazione delle vaccinazioni. Inoltre, la legge prevede che il soggetto è esonerato dalla vaccinazione se ha delle controindicazioni alle vaccinazioni certificate dal medico di fiducia. Oppure se presenta idonea documentazione che dimostri la presenza degli anticorpi protettivi comprovante l’avvenuta immunizzazione a seguito della malattia naturale.

Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, in vista della scadenza del 10 marzo per la presentazione delle certificazioni di vaccinazione per le iscrizioni scolastiche, ha precisato che dal 10 marzo la legge sarà applicata in modo pedissequo. La legge è stata costruita proprio per consentire a tutti di essere vaccinati tutto ciò per garantire la sicurezza di tutti i bambini.