Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 20 Giugno 2018 - Aggiornato alle 23:31
RAGUSA - 26/02/2018
Attualità - L’ iniziativa è promossa dalla Commissione Europea

La giunta partecipa al bando per rinnovare il centro storico

Per individuare e testare soluzioni innovative in tema di sviluppo urbano sostenibile Foto Corrierediragusa.it

La giunta municipale ha deliberato la partecipazione del Comune di Ragusa al terzo bando Uia (Urban Innovative Actions) per interventi ed azioni da avviare nel centro storico di Ragusa. L’ iniziativa è promossa dalla Commissione Europea ed è tesa ad individuare e testare soluzioni innovative in tema di sviluppo urbano sostenibile. Le tematiche da sviluppare proposte dal bando, che scadrà il prossimo 30 marzo, riguardano l’adattamento al cambiamento climatico, la qualità dell’aria, la questione abitativa, il lavoro e competenze nell’economia locale. L’amministrazione comunale parteciperà al bando presentando una proposta progettuale declinata sulla base delle numerose analisi condotte in tema di dinamiche abitative e lavoro e competenze nell’economia locale, nell’ambito della pianificazione strategica della città ed affrontate anche in occasione del workshop internazionale «Re-Use Ragusa. Sustainable strategies to revive the city center», organizzato dal Comune di Ragusa in convenzione con il Politecnico di Milano nel settembre del 2014.

Con lo stesso atto deliberativo viene approvato lo schema di avviso pubblico per l’individuazione di potenziali partner del Comune di Ragusa interessati a partecipare al bando. Il budget stanziato per il terzo bando UIA è compreso tra 80-100 milioni di euro e ciascun progetto, se ammesso, potrà ricevere un finanziamento fino a 5 milioni di euro. Il bando prevede anche un cofinanziamento da parte del soggetto promotore e dei partner pari al 20% dell’importo finanziato.