Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 18 Febbraio 2018 - Aggiornato alle 0:44
RAGUSA - 03/02/2018
Attualità - Preoccupano i dati diffusi da Federconsumatori

"Troppe famiglie rovinate dal gioco di azzardo" secondo la Marino

Invocato un tavolo di concertazione alla giunta grillina Foto Corrierediragusa.it

"Ragusa risulta essere la realtà territoriale regionale in cui si gioca di più. A rilevarlo sono i dati resi pubblici da Federconsumatori Sicilia che parla di 874 euro pro capite all’anno. Numeri che devono fare riflettere le istituzioni e, soprattutto, stimolare l’avvio di un confronto sociale su questo argomento che non è più rinviabile": a dirlo è la consigliera comunale Elisa Marino, la quale mette in rilievo le pesanti difficoltà che derivano dal diffondersi della patologia del gioco d’azzardo. «Decine e decine di famiglie sono rovinate – spiega – altre sono a rischio. E’ un malessere, una dipendenza patologica che non può passare sotto silenzio. Per questo motivo chiederò all’amministrazione comunale di farsi parte diligente nel verificare se esistono le condizioni per potere costituire un tavolo di concertazione che coinvolga tutti i soggetti a vario titolo interessati per avviare una disamina sul fenomeno e individuare i necessari correttivi, ferma restando la più che pregevole attività che in questo senso è già portata avanti dall’Asp.

Ma bisogna fare squadra, creare la necessaria concertazione perché il fenomeno possa essere verificato da più parti. Ci attendiamo delle risposte dall’ente di palazzo dell’Aquila". La Marino chiarisce che i dati diffusi da Federconsumatori riguardano la pratica in sale giochi e tabaccherie. «Numeri per così dire ufficiali – continua – che non comprendono il sommerso che, di certo, è destinato a fare crescere ancora di più i valori assoluti. Un dramma e un allarme sociale che occorre mettere in evidenza - conclude - nella maniera più opportuna».