Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 18 Gennaio 2018 - Aggiornato alle 23:20 - Lettori online 751
RAGUSA - 09/01/2018
Attualità - La conferenza stampa del questore Salvatore La Rosa traccia il bilancio delle attività del 2107

Immigrazione e prevenzione sono le priorità

Alessandro Sciacca dirigente a Vittoria. Il bilancio del commissariato di Modica, furti in diminuzione Foto Corrierediragusa.it

Territorio sicuro con l’immigrazione al centro dell’attenzione. Il questore Salvatore La Rosa (nella foto con il comandante della Polstrada Gaetano Di Mauro) ha tracciato il bilancio di un anno di attività e la conferenza stampa è servita anche a presentare il nuovo dirigente del commissariato di Vittoria, Alessandro Sciacca, 36 anni, che prende il posto di Rosario Amarù, andato a dirigere l’Ufficio Immigrazione. Il questore ha sottolineato che la mole di lavoro più onerosa deriva dal settore Immigrazione per gli sbarchi, i permessi di soggiorno e soprattutto i controlli di chi arriva e riparte verso altre mete. Nel 2017 gli sbarchi sono diminuiti, da 60 a 57, con 12 mila immigrati arrivati a Pozzallo contro i 19 mila del 2016. Sono stati 1.141 i respinti alla frontiera mentre 203 sono stati espulsi e di questi 9 con accompagnamento coatto per motivi di sicurezza nazionale.

Il personale delle Questura e dei tre commissariati, Modica, Comiso e Vittoria, si è dedicato anche ad un intenso lavoro di prevenzione e repressione dei reati con un totale di 354 persone che sono state arrestate, di cui 15 per il 416 bis. Nei commissariati attività intensa a Vittoria con ben 134 arresti, Modica segue con 63 e Comiso con 33. Nell’abito delle attività di controllo e prevenzione c’è la Polstrada, affidata al comandante Gaetano Di Mauro, che presidia costantemente le principali arterie ed ha proceduto a 18 arresti tra cui sei persone che gestivano depositi di auto rubate tra Ragusa, Rosolini e Modica.

IL BILANCIO DEL COMMISSARIATO DI MODICA
Il dirigente del Commissariato di Modica, Nicodemo Liotti, insediatosi da un anno, ha tracciato da parte sua un bilancio delLe attività relative al 2017. Il dirigente ha rilevato che nel corso dell’anno non si sono rilevate criticità particolari. Il personale è stato impegnato nella gestione della sicurezza in occasione di manifestazioni pubbliche come concerti, manifestazioni, processioni religiose, incontri sportivi, aste giudiziarie ed altri rilevanti visite istituzionali .

Sono state comunque irrogate diverse denunce per violazioni inerenti le licenze di P.S. a diversi titolari di locali o responsabili di attività. Sul fronte polizia giudiziaria e controllo del territorio il risultato maggiore ottenuto è stato il decremento complessivo di oltre il 20% dei furti avvenuti nel comprensorio modicano connesso all’aumento del numero degli arresti effettuati (circa 70) e delle persone deferite in stato di libertà (circa 230). Ma il dato risulta ancora più significativo poiché nel secondo semestre del 2017 il numero di furti in abitazione è stato portato quasi allo zero, sintomo che le operazioni svolte in estate hanno risolto, al momento, il problema. A ciò si aggiunga l’attività svolta sul territorio con il controllo effettuato su oltre 10 mila persone, su più di 5 mila veicoli e quasi 300 sanzioni elevate ai sensi del codice della strada. Sul fronte polizia amministrativa e dell’immigrazione l’ufficio ha rilasciato oltre 1200 passaporti in un anno, oltre 500 autorizzazioni rilasciate nei vari settori dicompetenza e trattato quasi 1600 pratiche per rilascio permesso soggiorno.