Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 18 Ottobre 2018 - Aggiornato alle 23:34
RAGUSA - 04/01/2018
Attualità - Molte festività cadono di sabato

I ponti festivi del 2018 saranno davvero pochi

Nelle principali città il santo patrono corre incontro ai lavoratori con qualche weekend lungo Foto Corrierediragusa.it

I ponti festivi del 2018 saranno esattamente come il ponte di Messina: inesistenti! Si parte con l´Epifania (che cade di sabato), così come il 2 giugno e l´Immacolata. Quindi zero possibilità di ponte (e weekend lungo per i milanesi che festeggeranno Sant´Ambrogio venerdì 7). Pasqua quest´anno cade ´bassa´ (il 1° aprile) e, insieme a Pasquetta, concederà la solita piccola pausa, anche se le scuole ovviamente chiuderanno più giorni (quindi chi ha figli può valutare se partire). Per tutti gli altri si potrà pensare a una mini vacanza, invece, tra il 25 aprile (mercoledì) e il primo maggio (martedì). Con tre giorni di ferie se ne possono mettere in fila sette di distacco dal lavoro. Il giorno di Ferragosto cade di mercoledì e offre una doppia possibilità, sempre usando due giorni di ferie: da sabato 11 al mercoledì 15 o dal mercoledì 15 o alla domenica 19. Due giorni di ferie, cinque lontani dal lavoro. Di più: con quattro giorni se ne passano a casa nove, da sabato 11 a domenica 19.

Ancor più favorevole il primo novembre, un giovedì. Per Ognissanti, con un solo giorno di assenza dall´ufficio (venerdì 2), se ne potranno stare quattro a casa. Ma se le aspettative degli italiani sono state deluse per gran parte dell´anno, i veri botti arriveranno a dicembre. Con soli quattro giorni di ferie (la vigilia di Natale di lunedì 24 e il 27, il 28 e il 29), si potranno godersi in famiglia dieci giorni di fila, da sabato 22 a lunedì 31 dicembre. A cui, ovviamente, va aggiunto il primo gennaio del 2019.

Nelle principali città il santo patrono corre incontro ai lavoratori con qualche weekend lungo, ma niente giovedì o martedì in giro, giorni principe per i ponti. Le uniche eccezione sono Bari, con San Nicola che arriva martedì 8 maggio e Bologna, con santo Petronio che cade di giovedì, il 4 ottobre. A Roma il 29 giugno (Pietro e Paolo), cade di venerdì. I napoletani per san Gennaro e i veneziani per la Madonna della Salute dovranno accontentarsi di un mercoledì. I milanesi, come detto, festeggeranno sant´Ambrogio di venerdì. Un´occasione per una piccola fuga dalla città e testare la prima neve dell´anno. A Palermo santa Rosalia cade di domenica, come san Giovanni per Firenze, Genova e Torino: andrà meglio l´anno prossimo.