Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 21 Gennaio 2018 - Aggiornato alle 21:26 - Lettori online 477
RAGUSA - 02/01/2018
Attualità - Il Libero consorzio comunale di Ragusa è l’ente capofila

Approvata adesione progetto europeo inclusione sociale

Si tratta del progetto ‘Pactes’ Foto Corrierediragusa.it

Il Libero Consorzio Comunale ha aderito al progetto ‘Pactes’ come ente capofila relativamente al Programma Interreg Eni-CbcMed 2014-2020. Si tratta di un progetto per sfruttare i finanziamenti dell’asse prioritario 3 del programma di «promozione dell’inclusione sociale e lotta contro la povertà» con obiettivo specifico il supporto agli attori dell’economia sociale e solidale in termini di miglioramento delle loro capacità e della cooperazione con le amministrazioni pubbliche. Il progetto si propone di favorire lo sviluppo e la creazione di servizi per l’inclusione socio-lavorativa delle persone svantaggiate a partire da una visione territoriale in grado di generare politiche e processi che pongano al centro dell’attenzione le istanze delle persone e siano in grado di creare nuove opportunità di lavoro. Tra gli obiettivi specifici del progetto ‘Pactes’ vi è quello di rafforzare l’integrazione tra gli attori pubblici e privati del sistema d’inclusione socio-lavorativa allo scopo di sviluppare modelli, servizi e strumenti in grado di valorizzare le capacità e le competenze delle persone svantaggiate e di sostenerne il percorso verso l’autonomia, nonché di migliorare il dialogo tra i soggetti pubblici e privati del sistema per l’inclusione socio-lavorativa e le imprese per rafforzare la capacità e la resilienza dei territori e identificare nuove opportunità d’inserimento lavorativo.

La compagine del partenariato al momento è composta oltre che dal Libero Consorzio Comunale di Ragusa come ente capofila, anche da altri enti stranieri a cominciare dal ministero delle Politiche sociali del Libano, dal Cres della Tunisia, dall’Università islamica di Gaza (Palestina), dall’Ong libanese Baldati, dalla Camera di Commercio della Palestina, dall’Unione Tunisina della Solidarietà sociale, dalla Fondazione Pubblica Andalusa, dalla Municipalità di Cartagena (Spagna) e dall’associazione Culturale Sud.

Nella foto palazzo di viale del Fante, sede del Libero consorzio comunale di Ragusa