Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 17 Ottobre 2018 - Aggiornato alle 10:56
RAGUSA - 02/01/2018
Attualità - Il Governo Musumeci sta preparando la lista dei nuovi commissari

Mini proroga di un mese ai commissari

Musumeci vuole affidare la guida delle ex province ad esponenti della magistratura in pensione, superburocrati, ex prefetti Foto Corrierediragusa.it

Mini proroga di un mese per i commissari straordinari delle ex province. I commissari, il cui mandato è scaduto a fine dicembre, resteranno per il momento al loro posto. Il Governo del presidente della Regione Nello Musumeci (foto) sta preparando la lista dei nuovi commissari che da fine mese guideranno gli enti fino alla indizione delle elezioni. Musumeci vuole affidare la guida delle ex province ad esponenti della magistratura in pensione, superburocrati, ex prefetti. Le nuove nomine dureranno fino a fine giugno. Poi l’indizione delle elezioni per cancellare definitivamente la riforma Crocetta che ha visto ben otto tra nomine, revoche e commissariamenti gettando nel caos gli enti di fatto cancellati ma operativi. Musumeci, tra i primi atti del suo governo, ha proposto ricorso alla Consulta contro l’impugnativa del Governo nazionale alla legge regionale che nello scorso agosto ha riproposto l’elezione diretta dei presidenti e dei consiglieri.

La pronunzia della Corte Costituzionale è attesa per l’estate: se sarà a favore della Regione, in autunno ci saranno le elezioni per le Province. Il pian del governo Musumeci è di tornare all’elezione diretta. Dice l’assessore agli enti Locali Bernadette Grasso: « Per questo abbiamo deciso di resistere all’impugnativa dello Stato davanti alla Consulta ma nell’attesa le Province non possono restare nel limbo e Roma deve consentirci di rimettere in piedi il sistema non solo dal punto di vista organizzativo ma anche da quello economico».