Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 23 Gennaio 2018 - Aggiornato alle 15:01 - Lettori online 802
RAGUSA - 24/12/2017
Attualità - Lo comunica l’assessorato regionale all’Agricoltura

Per gli Iblei stato di calamità senza se e senza ma

L’iter sta andando avanti Foto Corrierediragusa.it

Tutto il territorio ibleo è compreso, come il resto della Sicilia, nella declaratoria per lo stato di calamità naturale dei danni causati da eccezionale siccità nei mesi di luglio e agosto scorsi. Lo rende noto l’assessorato regionale all’Agricoltura, il quale chiarisce che la stessa declaratoria è stata approvata e deliberata dal Governo regionale anche per la provincia di Ragusa (Delibera numero 513 del 18/12/2017). Per quanto attiene invece i danni causati nella provincia iblea dal maltempo e dal nubifragio del 10 novembre 2017 che ha interessato soprattutto il Vittoriese, è in fase di ultimazione l’iter, da parte dell’Ispettorato dell’ Agricoltura di Ragusa, per l’accertamento della contezza, perimetrazione ed entità del danno, che consentirà di portare in Giunta la proposta di declaratoria dello stato di calamità anche per questo recentissimo evento.

Sono già stati effettuati i sopralluoghi di verifica del danno nelle 160 aziende che ne hanno fatto segnalazione presso l’ispettorato competente. Da una prima stima, i danni riguarderebbero circa 100 ettari di serre, per un importo complessivo di circa 22 milioni di euro, di cui orientativamente 16 milioni e mezzo alle strutture e 5 milioni alle produzioni e alle colture. "Non appena completato l’iter - precisa l’ Assessore per l’Agricoltura Edy Bandiera - sarà mia cura portarlo tempestivamente in Giunta di Governo per chiedere la declaratoria al Ministero".