Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 11 Dicembre 2018 - Aggiornato alle 0:08
RAGUSA - 21/12/2017
Attualità - Progetto finanziato con i 18 milioni del Governo

Ancora 3 anni per la metropolitana di superficie

Bisognerà ancora attenere ma la strada, o meglio la linea ferroviaria, è già tracciata Foto Corrierediragusa.it

Ci vorranno tre anni per realizzare le prime cinque stazioni della metropolitana di superficie. L’opera è già finanziata e l’amministrazione comunale è pronta a partire con il progetto. Il sindaco Federico Piccitto ha chiarito, nell´ambito do un apposito incontro convocato a palazzo dell´Aquila (foto), i passaggi tecnici della metropolitana, la cui prima idea fu lanciata oltre 20 anni fa dall’amministrazione guidata da Giorgio Chessari. La disponibilità delle risorse garantite grazie ad un accordo di programma con lo Stato ha reso l’opera fattibile. Il progetto coinvolge anche Regione e Trenitalia per i lavori sulla linea ferrata ma dal punto di vista progettuale non dovrebbero sorgere problemi. Proprio per aggiornare le fasi del lavoro e concordare le procedure di intervento è stato programmato per il 10 gennaio un tavolo tecnico tra le parti che si riunirà a Roma.

Il progetto attuale, finanziato con i 18 milioni messi a disposizione dal Governo prevede le stazioni di Ibla, Piazza del Carmine, Piazza del Popolo, via Colajanni e Cisternazzi. Si tratta, a parte piazza del Carmine, di punti di snodo già esistenti lungo la linea ferroviaria che attraversa la città e da questo punto di vista il progetto è reso più semplice. Fondamentale è il prolungamento per Cisternazzi dove è ubicato il nuovo ospedale, Ci sarà dunque la possibilità di raggiungere il nosocomio senza utilizzare il mezzo privato. La città è infatti tra le ultime nelle varie classifiche stilate annualmente per numero di veicoli circolanti e precarietà di linee di trasporto pubblico. Con la metropolitana di superficie la città diventerà più pulita e meno congestionata. Bisognerà ancora attenere ma la strada, o meglio la linea ferroviaria, è già tracciata.