Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 18 Novembre 2017 - Aggiornato alle 15:50 - Lettori online 731
RAGUSA - 10/11/2017
Attualità - La Conferenza provinciale permanente convocata dal prefetto Maria Carmela Librizzi

Violenza sulle donne: casi in calo ma attenzione alta

Una serie di iniziative promosse dalla Prefettura per prevenire fenomeni devianti Foto Corrierediragusa.it

Cultura, educazione, prevenzione. Sono queste le armi con cui si può superare il fenomeno della violenza nei confronti delle donne. Lo ha evidenziato il prefetto Maria Carmela Librizzi nel corso della riunione della Conferenza Permanente Provinciale (foto) convocata per un esame più compiuto delle attività messe in campo sul territorio in materia di prevenzione e contrasto del fenomeno. Negli Iblei le aggressioni contro le donne sono diminuite passando da 37 nel 2015 a 26 nel 2016, anche se sono in aumento i dati persecutori con ben 90 casi. Le istituzioni, ha detto il prefetto, devono tenere, comunque, l’attenzione sempre alta proprio per prevenire una recrudescenza dei casi di violenza e vessazione fisica. Ai lavori hanno partecipato i rappresentanti della Procura e del Tribunale, delle Forze dell’Ordine, delle Amministrazioni locali, dell’Ufficio Scolastico Provinciale, dell’Ufficio del Lavoro, dell’Azienda Sanitaria Provinciale, delle Organizzazioni sindacali, delle Consulte comunali, dei Centri Antiviolenza e del privato sociale.

Il prefetto ha posto dunque l´accento sull´esigenza di dare ulteriore impulso agli interventi finora realizzati, soprattutto sotto il profilo della prevenzione, con specifico richiamo ai controlli sul territorio per una maggiore sicurezza nei luoghi a più alto rischio (giardini pubblici, periferie urbane, mezzi pubblici) all’informazione centrata sulla cultura della non violenza, sul rispetto tra generi e sul corretto utilizzo dell’immagine femminile da parte dei media. L’accento, inoltre, è stato posto sull’attivazione di interventi immediati delle Forze dell´Ordine in aiuto delle vittime con l´ausilio della tecnologia informatica mediante l’utilizzo di applicazioni di pronto intervento che sono state presentate grazie ad alcune slides appositamente predisposte. Per contrastare il fenomeno sarà predisposta una Task force per un sistema di azioni strutturate e coordinate , sulla base dei quali pervenire alla stipula di un protocollo d’intesa tra tutti gli attori interessati.