Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 22 Novembre 2017 - Aggiornato alle 23:08 - Lettori online 474
RAGUSA - 05/11/2017
Attualità - Allarme della consigliera Marino

Moria di negozi in via Roma: il commercio fugge

Pullulano i cartelli "Affittasi" Foto Corrierediragusa.it

«Stato di salute della via Roma a Ragusa? Coma profondo». A dirlo la consigliera comunale di Insieme, Elisa Marino, che, dopo l’ultimo giro in quello che un tempo era il salotto buono della città, ha dovuto prendere atto della chiusura dell’ennesimo negozio. «Stavolta legato a una grande catena di abbigliamento famosa in tutto il mondo – sottolinea Marino – e, però, il cocktail mortale che è stato creato per questa via sembra non risparmiare niente e nessuno. Bisognerebbe fare una statua agli impavidi imprenditori che ancora resistono. Ma, purtroppo, la via Roma è morta. E tra poco sarà anche sepolta. Con chi bisogna prendersela? Molte sono le cause. Certo è che i cinque anni di amministrazione grillina hanno suggellato questo ulteriore passaggio. Non un solo straccio di idea per risollevare le sorti commerciali di questa area del centro storico superiore. Di sicuro - si continua a leggere nella nota della Marino - non bastano le feste di ampio respiro che periodicamente si organizzano. Sono soltanto dei palliativi. L’amministrazione comunale non si è neppure posta il problema di rivitalizzare via Roma.

E i danni sembrano ormai irreparabili. I cartelli recanti la scritta «Affittasi» pullulano da un capo all’altro di questa arteria stradale. Cosa può fare la giunta grillina? Ormai più niente. Bisogna rassegnarsi e sperare che la prossima amministrazione comunale affronti di petto il problema. Il Movimento Cinque Stelle ha preso sottogamba gli investimenti di imprenditori che, nonostante tutto, avevano creduto nel rilancio di via Roma. Rilancio che, purtroppo, non c’è stato. E, anzi, ora la fine sembra - conclude la Marino -
drasticamente segnata».