Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 24 Novembre 2017 - Aggiornato alle 0:31 - Lettori online 297
RAGUSA - 24/10/2017
Attualità - Garantite le aperture nei festivi e fine settimana fino all’Epifania

Ragusa: nuovo protocollo per aperture chiese

Nove in tutto i siti prescelti. S. Maria dell’Itria risulta la più visitata Foto Corrierediragusa.it

Sono nove le chiese incluse nel nuovo protocollo sottoscritto da amministrazione comunale e Curia. Si tratta del Collegio di Maria in Corso Italia, S. Maria dell’Itria (foto), S. Filippo Neri, S. Maria delle Scale, Annunziata ad Ibla, S. Giuseppe in piazza Pola, S. Maria dello Spasimo, S. Francesco all’Immacolata, e S. Giacomo all’interno del Giardino Ibleo. La rimodulazione del protocollo è stata voluta per garantire le aperture alle chiese più visitate fino all’Epifania quando l’accordo dovrà essere rinnovato.

Il numero dei giorni resterà invariato ma è stata operata una selezione dei siti sulla base dei flussi turistici e garantire pertanto le aperture nei giorni festivi e nei fine settimana. L’ufficio diocesano ha registrato che i turisti, per lo più stranieri, hanno indirizzato il loro interesse in particolare verso la chiesa dell’Itria. Lo dicono i numeri apposti nel registro delle visite con ben 6.400 presenze nel 2016 alla Badia e a S. Giuseppe. Anche S. Maria delle Scale, 5.800 visite, è tra le chiese più gettonate.