Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 23 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 20:20 - Lettori online 696
RAGUSA - 06/10/2017
Attualità - In particolare il territorio ragusano lasciato nel limbo

Per l´Anas Cristo si è fermato a Catania!

La ripartizione dei 30 miliardi stanziati non tocca gli Iblei Foto Corrierediragusa.it

"Il Sud est dell’Isola è stato letteralmente depennato dal piano degli investimenti per la viabilità presentato da Anas: la ripartizione dei 30 miliardi stanziati per le nuove opere principali e il completamento degli itinerari, di cui ben il 56% destinato al Sud e alle Isole, non contempla difatti il territorio ragusano, penalizzato e danneggiato ancora una volta". Con queste parole il senatore Giovanni Mauro di Forza Italia commenta i dati del mega piano investimenti dell’Azienda delle Strade, approvato dal Cipe per la manutenzione e il rilancio della viabilità. «In Sicilia arrivano solo le briciole – sottolinea Mauro – mentre ad essere privilegiati sono solo alcuni. A pagarne le spese sono i siciliani, e i ragusani in particolare, colpevoli solo di non aver avuto una classe politica regionale degna di questo nome. Per il bene del nostro territorio è necessario sciogliere il nodo infrastrutture, poiché dalla realizzazione delle strade e delle autostrade, e dal potenziamento dei collegamenti ferroviari e aerei dipende il futuro delle nostre imprese e della nostra comunità.

Tutto ciò - prosegue Mauro - sarà possibile solo grazie alla capacità progettuale e alla competenza amministrativa di chi sarà chiamato a rappresentare i cittadini e il comprensorio ibleo all’Assemblea Regionale Siciliana. Su questo fronte la proposta programmatica di Forza Italia è già delineata e attende solo di essere messa in pratica: bisogna attuare la razionalizzazione dell’elefantiaca burocrazia regionale, chiudere i «carrozzoni» azzerando i consigli di amministrazione e assegnando funzioni e competenze ai nuovi assetti di governo del territorio, che - conclude Mauro - saranno legittimati democraticamente dai cittadini».