Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 18 Novembre 2017 - Aggiornato alle 15:50 - Lettori online 758
RAGUSA - 30/09/2017
Attualità - Il direttore generale Asp interviene dopo la protesta del sindaco Enzo Giannone

Ficarra: "Al Busacca rispettate norme su Rete Emergenza"

In un’unica struttura il Punto di Primo Intervento in grado di garantire una presenza di medici h. 24 Foto Corrierediragusa.it

Il direttore generale dell’Asp di Ragusa Salvatore Ficarra (foto) rassicura il sindaco Giannone sul «Busacca». L’Azienda non toglierà nulla al nosocomio ed attuerà in pieno le disposizioni contenute nel Decreto di riordino della Rete regionale dell’Emergenza. Il direttore generale precisa che queste consentono di riunificare, presso un’unica struttura – quella ospedaliera -, il Punto di Primo Intervento - PPI in grado di garantire una presenza di medici h. 24, presso i locali del Pronto Soccorso, e la medicalizzazione dell’ambulanza. Una struttura onnicomprensiva che consentirà di superare alcune criticità, riscontrate dai NAS, nei locali della guardia medica, riutilizzando il personale infermieristico in eccedenza nelle altre unità operative che sono carenti.

«Nello specifico dice il manager- la Dialisi costretta, proprio per mancanza di infermieri, a operare a scartamento ridotto. A tutto ciò si aggiunge che sono stati avviati i lavori per la definizione dei locali e delle attrezzature per l’attivazione della riabilitazione in convenzione con l’IRCSS «Bonino-Pulejo» e il recupero del Padiglione «N» dove saranno allocati i poliambulatori e gli altri servizi di medicina e chirurgia previsti dalla Rete regionale a completamento dei relativi lavori e iter burocratici».