Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 20 Settembre 2017 - Aggiornato alle 15:41 - Lettori online 1041
RAGUSA - 10/09/2017
Attualità - Convegno promosso dall’Ordine di Ragusa sulla nuova legge aapprovata dal Parlamento

Medici a confronto su tutele e garanzie per i pazienti

La responsabilità professionale degli operatori sanitari e la sicurezza delle cure al centro del dibattito Foto Corrierediragusa.it

Più tutela per i medici e in generale gli operatori sanitari ma anche più tutele e garanzie per i pazienti-cittadini che possono contare su nuovi meccanismi riguardanti il diritto al risarcimento rispetto ad eventuali errori. La nuova legge sulla responsabilità professionale degli operatori sanitari e la sicurezza delle cure vuole dare la massima serenità su tutti i fronti, anche quelli assicurativi, riequilibrando un rapporto, in sede di contenzioso penale e civile, tra medico e assistito.

Il convegno promosso dall’Ordine dei Medici di Ragusa (foto) ha visto tra i relatori Roberta Cherservani, presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici e chirurghi, e il senatore Amedeo Bianco, artefice della legge di cui è stato relatore al Senato ed il sostituto procuratore Monica Monego. «E’ una legge importante che vuole riavvicinare il medico al suo paziente perché vi è una maggiore tutela per entrambi -commenta la presidente Chersevani- sia per il professionista che dovrebbe lavorare più serenamente, nonostante l’attuale difficile situazione in cui versa il mondo medico, sia per il paziente che, se supportato con tante misure, tra cui la possibilità di adire all’assicurazione e di avere un percorso di conciliazione, è portato a fidarsi di più».

Per Salvatore Damanti, presidente dell’Ordine dei Medici di Ragusa si tratta di «una legge molto attesa perché si avvertiva l’esigenza di creare un nuovo rapporto medico-pazienti, riconsiderando in una prospettiva nuova l’aspetto della responsabilità professionale degli operatori sanitari e la sicurezza delle cure dell’utenza. Come Ordine abbiamo voluto approfondire, considerato che è una norma che apporta modifiche davvero epocali, soddisfacendo quelle richieste di chiarezza nella sanità». Tra i relatori anche Luca Licitra, in rappresentanza dell’Ordine degli Avvocati, Danilo Vallone, direttore dell’ufficio legale Asp Ragusa e Antonio Schifano, ginecologo Aogoi.