Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 24 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 0:18 - Lettori online 520
RAGUSA - 08/08/2017
Attualità - Sobria cerimonia nel Giardino Ibleo

Una viale per Pamela, vittima di femminicidio

Presenti anche i genitori della giovane vittima Foto Corrierediragusa.it

«Abbiamo voluto dedicare questo viale, in questo bellissimo giardino, a Pamela perché diventi un simbolo per tutti, una condanna verso tutte le violenze subite dalle donne. La sua storia è un monito per tutti quelli che sono qui, un invito a rinnegare ogni forma di violenza, che porta morte e disperazione ed è il contrario della vita e della bellezza». Con queste parole il sindaco Federico Piccitto ha introdotto la cerimonia di intitolazione di un viale del Giardino Ibleo a Pamela Canzonieri (foto), la giovane donna ragusana uccisa brutalmente lo scorso anno in Brasile, a quanto pare dal suo vicino di casa. Presenti i genitori, i parenti, gli amici di Pamela, gli assessori comunali Gianluca Leggio e Nella Disca, i consiglieri comunali Giovanna Sigona ed Emanuela Nicita ed una rappresentanza del comando provinciale dei Carabinieri di Ragusa.

Una piccola folla commossa ed in lacrime all’atto della scopertura della targa di intitolazione su cui è scritto «Viale Pamela Canzonieri Vittima di femminicidio 1977-2016». La madre della donna, la sigora Rosaria Cicciarella, esprimendo con dolore l’assurdità di una vicenda, ancora da chiarire, che ha spezzato la vita della figlia, ha ringraziato l’amministrazione comunale per avere dedicato alla memoria di Pamela un luogo appropriato e decoroso. A benedire il sito padre Joseph Muamba, che, ricordando la storia di Pamela Canzonieri, ha espresso parole di conforto valorizzando il senso etico e religioso del suo tragico destino e della sua esistenza, da oggi, con l’intitolazione, a futura memoria della collettività.