Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 21 Novembre 2017 - Aggiornato alle 22:45 - Lettori online 463
RAGUSA - 27/06/2017
Attualità - Il sempreverde business del sesso

Quel sexy shop che piace tanto ai ragusani

La circostanza è stata di recente commentata anche da alcuni ragusani su Facebook Foto Corrierediragusa.it

Chi ha avuto la brillante intuizione di piazzare un sexy shop completamente automatico in viale Tenente Lena, non si sarà di certo pentito di tale scelta. Pare difatti che vadano a ruba gli articoli erotici che si possono tranquillamente visionare e comprare dall’apposita vetrina incastonata in un angolo, al riparo da sguardi indiscreti, pagando comodamente con bancomat o carta di credito, a patto però di essere rigorosamente maggiorenni. Non inganni il fatto che di giorno il sexy shop appaia praticamente quasi deserto, perché è quando scende la notte che si alimenta il business. Sarebbero in tantissimi difatti ad affidarsi ai gadget del distributore automatico, la cui accattivante insegna luminosa si accende al calar della sera di sgargianti colori, attirando gli sguardi dei passanti come fa la luce intensa con le falene, per infondere fantasia nel sesso con il (o la) partner. Pare che le robuste scorte di articoli erotici si esauriscano nel breve volgere di pochi giorni.

L’apertura del sexy shop è stata di recente commentata anche da alcuni ragusani su Facebook, con una condanna unanime della malcelata ipocrisia che spesso accompagna iniziative del genere, ed evidenziando come non ci sia nulla di speciale, o tantomeno di male, in una simile circostanza. Chissà se questo sexy shop automatico di viale Tenente Lena possa fungere presto da apripista in altre zone della città e fors’anche in altri comuni iblei, compresi magari i piccoli borghi montani, dove la noia regna sovrana e un «diversivo stuzzicante» non potrebbe che fare bene. Intanto i ragusani ringraziano.