Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 18 Agosto 2017 - Aggiornato alle 12:37 - Lettori online 630
RAGUSA - 17/06/2017
Attualità - Qualità ambientale e accoglienza sono i parametri

Assegnate le «vele» al mare siciliano: spiagge iblee out

Il Messinese e il Trapanese le destinazioni top Foto Corrierediragusa.it

Legambiente e Touring Club hanno assegnato le «vele» al mare siciliano. In tutto 33 spiagge, mentre quelle iblee sono in fondo alla classifica. Qualità ambientale e accoglienza sono i parametri alla base della classifica delle due associazioni che premiano il litorale del Messinese e del Trapanese (foto) per le destinazioni top. Da Punta Secca a Marina Marza non c’è invece da stare molto allegri perché nessuna delle spiagge del sud est raggiunge risultati eccellenti, anzi. Non inclusa in questa classifica Marina di Ragusa. Eppure nella assegnazione delle Bandiere blu le tre località balneari iblee avevano ottenuto il riconoscimento. Le cinque vele sono il massimo riconoscimento assegnato a quei comuni che si sono distinti nell’attuazione di programmi di gestione che prevedano la tutela delle risorse ambientali del loro territorio: qualità delle acque di balneazione, raccolta differenziata dei rifiuti, gestione delle risorse idriche, istituzione di aree pedonalizzate, tutela del centro storico, insomma tutto quanto concorre a realizzare uno sviluppo sostenibile che accresca la richiesta turistica di qualità fondata sulla ricerca di una vacanza sana vissuta in armonia con l’ambiente circostante.

Inutile, tuttavia cercare una località iblea nella prima fascia della classifica. Bisogna arrivare alle due vele per la prima tra le iblee dove si trova Maganuco sia per la qualità ambientale del mare sia per i servizi di accoglienza. Una stella complessiva appena per Sampieri, Costa di Carro e la Foce dell’Irminio, così come S. Maria del Focallo. Male Pozzallo perché per qualità dell’accoglienza ed ambientale al pari di Punta Secca è in fondo alla classifica. Per una vacanza al mare al top bisogna dunque andare innanzitutto a Salina prima assoluta con le spiagge di Leni, Malfa S. Marina Salina; qui ci sono anche strutture per disabili e fondali da incanto. Ottimo anche il giudizio per il trapanese con le immancabili Favignana e S. Vito Lo Capo ma tutta la costa nord come la spiaggia sottostante il monte Cofano sono a 5 vele e non male anche Selinunte con 4 vele. Bene anche Ustica e la sua riserva naturale, 4 vele, Noto con Vendicari e Cala Mosche e Capo Passero.