Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 22 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 21:38 - Lettori online 690
RAGUSA - 18/04/2017
Attualità - Allungato il tempo di fruizione per le prossime giornate festive

A Donnafugata orario "allungato" nei festivi

Del malcontento si era fatto portavoce il Pd Foto Corrierediragusa.it

Una Pasquetta all’insegna delle gite fuori porta per molti turisti e non solo. In tanti hanno approfittato della giornata di festa per scoprire le bellezze del nostro territorio, come il Castello di Donnafugata (foto). Il Comune di Ragusa però si è fatto trovare impreparato. A denunciarlo i consiglieri del Pd Mario D’Asta e Mario Chiavola che dopo aver ricevuto una serie di segnalazioni, puntano il dito contro la scelta di Palazzo dell’Aquila di tenere il maniero aperto ai visitatori fino alle 12.45, riaprendolo poi alle 14:45 per chiudere definitivamente alle 17:15. Un orario definito a «spezzatino» e che secondo i rappresentanti Dem «Non si confà con le esigenze dei numerosi visitatori, che stanno affollando in questi i giorni i luoghi più di pregio del nostro territorio». La scelta contestata è di chiudere il castello per la «pausa pranzo» per poi serrare definitivamente le porte per i visitatori già alle 17:15, quando è ancora giorno, lasciando tanti visitatori fuori dal portone.

L´assessore al ramo Nella Disca ha riferito che è sempre stato così, eppure il comune ha deciso di metterci una pezza per soffocare altre polemiche. Difatti l´Ufficio cultura e e beni culturali rende noto che gli orari di apertura del Castello di Donnafugata, relativamente alle festività del 25 aprile, 1° maggio e 2 giugno, prevedranno l´apertura del maniero continuativamente dalle ore 9 alle ore 18 e la permanenza sarà consentita entro e non oltre le ore 19.

Polemiche a parte, come ogni anno anche nel nostro territorio la Pasquetta è stata all’insegna dell’assalto delle frazioni balneari, dopo la tradizionale grigliata o il pranzo in agriturismo o al ristorante. Il vento non ha scoraggiato gli avventori e in molti non hanno rinunciato a una delle prime passeggiate della stagione sulla spiaggia. Si programma già il prossimo «ponte» per il 25 aprile.

Ha collaborato Chiara Carbone