Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 17 Agosto 2017 - Aggiornato alle 0:20 - Lettori online 645
RAGUSA - 14/04/2017
Attualità - Riunione a Palazzo del fante con il sindaco Enzo Giannone l’on. Orazio ragusa

Canne litorale sciclitano, ecco come rimuoverle

Costerà 70 mila euro ripulire il litorale e trasportare il materiale presso la discarica di Cava dei Modicani Foto Corrierediragusa.it

Progetto pronto per le cane spiaggiate che tuttora si trovano lungo il litorale sciclicltano. Rimuovere le canne e bruciarle costerà 70 mila euro; la somma sarà a carico del bilancio comunale. La riunione tenutasi a Palazzo del Fante nella sede del Libero Consorzio (foto) è servita a definire il processo di raccolta e smaltimento.La Srr, ex Ato Ambiente Ragusa, istituzionalmente competente, ha redatto il progetto, grazie al quale le canne saranno prelevate e conferite in un primo momento in due aree individuate dal Comune e attigue alla spiaggia di lido Spinasanta, dove saranno triturate per poi essere depositate nella discarica ragusana di Cava dei Modicani.

Qui, decorso il termine previsto dalla legge,si procederà ad attività di recupero, compresa la possibilità di spandimento in un terreno di proprietà del Comune di Scicli, confiscato alla mafia. «Si risolve così, grazie agli enti coinvolti– dice il sindaco Enzo Giannone- la complessa questione delle canne spiaggiate. Registriamo la latitanza e il disinteresse del Governatore Crocetta e della Regione Siciliana, che, dopo aver promesso il loro aiuto e intervento, si sono dileguati, lasciando al sindaco il compito di assumersi, sotto la propria personale responsabilità, e con una ordinanza in deroga, l’onere di risolvere un problema di natura eccezionale».

Gli ultimi passaggi amministrativi prevedono il parere definitivo del Demanio Marittimo, della Capitaneria di Porto, dell’Arpa e della Sovrintendenza. Il prelievo delle canne sarà effettuato sotto la vigilanza della Capitaneria di Porto di Pozzallo, della Polizia municipale di Scicli e del Corpo Forestale, ognuno per le proprie competenze. I tempi di intervento saranno celeri e immediati, in quanto tutti gli enti coinvolti e presenti alla conferenza hanno assicurato tempestività nel rilascio dei pareri.