Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 20 Novembre 2017 - Aggiornato alle 11:20 - Lettori online 816
RAGUSA - 29/12/2016
Attualità - Il salotto buono della città e le continue "trasformazioni"

Via Roma di nuovo con le auto

Il presidente ipotizza la possibilità di una ztl (zona a traffico limitato) Foto Corrierediragusa.it

Dal 20 dicembre via Roma a Ragusa (foto) è parzialmente aperta al traffico veicolare. Un esperimento per cercare di rispondere alle esigenze degli esercizi commerciali della zona, che in questi mesi hanno lamentato un calo di vendite, anche in relazione ai lavori in Via Sant’Anna, secondo gli esercenti non adeguatamente concertati. L’Ascom dichiara che attualmente è ancora troppo presto per fare i primi bilanci sull’apertura della zona, anche perché i dati potrebbero essere falsati dalla maggiore affluenza naturale nel periodo delle festività natalizie. Il presidente dell’associazione commercianti chiede quindi un paio di mesi per poter fare il confronto con lo stesso periodo dell’anno precedente. Solo allora si potranno avere riscontri certi. Intanto l’Ascom invoca il dialogo con l’amministrazione e ha chiesto un tavolo tecnico con i rappresentanti degli esercizi commerciali, dei residenti e anche degli architetti che hanno nei mesi scorsi realizzato la tanto discussa istallazione sul ponte di Via Roma, di cui i commercianti hanno più volte chiesto la rimozione. Ingallinera sostiene che molti dei fautori della chiusura di Via Roma, in realtà non ci abbiano mai messo piede e che più che altro piacerebbe «l’idea astratta» di un’isola pedonale, senza pensare ai risvolti concreti per la città e per le attività commerciali.

Il presidente dell’Ascom ipotizza la possibilità di una ztl (zona a traffico limitato), chiudendo il tratto attualmente accessibile al traffico veicolare il sabato, ma afferma con convinzione che l’importante sia valutare le ricadute di qualsiasi scelta attentamente. L’obiettivo deve essere evitare che in Via Roma si ripeta quello che si è verificato in Corso Italia: con comemrcianti che scelgono di abbassare la saracinesca una volta per tutte, lasciando il vuoto.