Euromotor
Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 30 Marzo 2017 - Aggiornato alle 22:37 - Lettori online 421
RAGUSA - 29/12/2016
Attualità - Quando la fiction si mescola alla realtà con tanto di morale natalizia

VIDEO Pasquano si è rotto i "cabasisi"

La vicenda scaturita dall’alterco dell’attore modicano con un vigile urbano dopo una multa Foto Corrierediragusa.it

Le visite del dottor Pasquano alla casa di riposo. Marcello Perracchio, attore e interprete del medico in rapporto simpaticamente conflittuale con il commissario Montalbano, ha tratto da una disavventura grande umanità (vedi video servizio Canale 74)


Una vicenda tanto toccante al punto da fare dire oggi al quasi 80enne attore ragusano: “Sono grato al vigile urbano che il 29 agosto del 2013 denunziandomi ha permesso che vivessi questa esperienza”. Tutto nasce infatti da un’infrazione che l’attore ha contestato in modo vivace, forse immedesimandosi nel dottor Pasquano, che anche in quel caso non aveva voluto rottura di “cabasisi”. Per sua sfortuna non c’era ad ascoltare le sue intemperanze verbali il bonario e accomodante commissario Montalbano ma un vigile urbano tutto di un pezzo che dinanzi alle escandescenze di Perracchio ha redatto un verbale e lo ha inviato in procura. Da qui la condanna a cinque mesi con l’obbligo di “espiare la colpa” presso una struttura sociale individuata nella casa di riposo “Criscione Lupis” che ospita anziani ultrasettantenni. Per tre volte alla settimana Marcello Perracchio ha portato il suo sorriso, le sue battute, ma soprattutto la sua grande umanità tra le mura della casa di riposo. Scrive Perracchio sul suo profilo Facebook e in una intervista al Giornale di Sicilia: “È stata una esperienza positiva; ho avuto modo di stare a contatto con persone che sono in un certo senso isolate e sole con i loro problemi, i loro dolori, le sofferenze e le malattie. Ne sono uscito arricchito, si guarda la vita in modo diverso. Sono entrato in una istituzione che funziona. Siamo riusciti ad avere un bel rapporto, ci sedevamo attorno ad un tavolo, giocando a briscola o semplicemente parlando”. Allo stesso tempo Perracchio fa autocritica, da uomo di mondo qual è: “In tutta questa faccenda io comunque ho avuto torto. Qualunque possa essere il motivo, quando si va in escandescenze e si perde la testa, si ha sempre torto. Ma nella vita dobbiamo fare emergere il buono che c’è in noi”. In qualche modo Marcello Perracchio c’è riuscito.

Nella foto in alto Marcello Perracchio insieme agli anziani ospiti della casa di riposo "Criscione Lupis" di Ragusa. Per il montaggio video si ringrazia Alessandro Mignemi