Corriere di Ragusa
Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 23 Aprile 2014 - Aggiornato alle 23:25 - Lettori online 918
Dove sei: Prima pagina > Attualità > Ragusa > Clamoroso: in vendita chiesa sconsacrata


Attualità
RAGUSA - 03/02/2014
Il luogo di culto era stato acquistato da un privato, che adesso intende rivenderlo

Clamoroso: in vendita chiesa sconsacrata

La chiesa della Madonna dei Miracoli o della Madonna con il Bambino, risale a prima del terremoto dell´11 gennaio 1693
Foto CorrierediRagusa.it

La "Bbammina" è in vendita. Non è una bambola o un giocattolo per bimbe di buona famiglia, ma nientemeno che una chiesa, per l´appunto "Della Bammina", seppure sconsacrata e chiusa al culto (foto). Per la precisione si tratta di una chiesa di proprietà privata, intitolata a S. Maria dei Miracoli, del secolo 17mo, come recita la targa apposta dal comune sul costone che costeggia la Panoramica del Parco di Ibla. Il proprietario, che l´acquistò nel 1950 dalla parrocchia di S. Giorgio, ha presentato l´immobile ai suoi potenziali acquirenti con queste parole su un diffuso mensile di annunci immobiliari: "Sita in via Ottaviano, l´arteria che collega Ragusa Superiore ad Ibla, edificata intorno al 1650, è uno dei pochi edifici di culto ad aver superato il terremoto del 1693. Presenta una pianta centrale ornata da tre portali, di circa 160 mq è dotato di un piccolo aggrottato". Forse per accrescere il valore della chiesa, comunemente conosciuta come della "Bbammina", il privato che l´ha messa sul mercato aggiunge, sbagliando, che la chiesa è anche inserita nell´elenco dei beni patrimonio dell´Umanità del centro storico di Ibla. Circostanza smentita sia dalla sovrintendenza sia da Don Giuseppe Antoci, responsabile per i Beni culturali della Diocesi che fa invece rilevare l´errore madornale in cui è incaappato a suo tempo il comune.

La chiesa della Madonna dei Miracoli o della Madonna con il Bambino, risale a prima del terremoto dell´11 gennaio 1693, ed è stata sconsacrata all´inizio dello scorso secolo. Dal punto di vista architettonico si tratta di un tempio a pianta ottogonale che è passato per una serie di circostanze tutte da chiarire ad una nota famiglia di Ibla che ha ora deciso di realizzare un affare. Il caso pone, ancora una volta, il problema della tutela dei beni monumentali ed architettonici non solo dal punto di vista del restauro, della conservazione ma ora anche della proprietà. E´ vero che nei pesi anglosassoni, o comunque protestanti, i casi di chiese sconsacrate e diventate discoteche o supermercati non si contano, ma la vendita di una chiesa barocca in un sito barocco per eccellenza desta molte perplessità tanto che l´assessore regionale ai Beni culturali, Maria Rita Sgarlata, e la stessa sovrintendente, Rosalba Panvini, ne hanno parlato nel corso dell´incontro avuto per affrontare alcune questioni irrisolte in provincia.

Dal punto di vista giuridico nulla può impedire ad un privato di vendere, sia esso un garage, una casa, come in questo caso, una chiesa, ma è anche vero che chi si occupa di cultura e patrimonio artistico-monumentale metta tutti i paletti possibili perchè dalle collina di Ibla non comincino ad impazzare musica e luci stroboscopiche nel rispetto dei luoghi e del sito. Il caso della "Bbammina" non è tuttavia semplice perchè bisogna trovare un mecenate che la compri, la valorizzi e la preservi senza lasciarsi travolgere da intenti speculativi o ne cambi i connotati.


consiglia questa news sulla ricerca di Google.