Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 19 Ottobre 2018 - Aggiornato alle 15:11
POZZALLO - 11/12/2017
Attualità - In occasione dell’ultimo sbarco con l’arresto degli scafisti

Migranti: Ammatuna accusa la Regione

Ammatuna ripone speranza nel nuovo governatore Musumeci Foto Corrierediragusa.it

Lo sbarco di 78 migranti avvenuto la scorsa settimana nel Porto di Pozzallo, per la gran parte di nazionalità tunisina ed algerina, dimostra ancora una volta la grande attualità del tema relativo alla diversa tipologia di immigrati sulle coste siciliane che il sindaco Roberto Ammatuna (foto) ha prontamente sollevato al ministro degli Interni Marco Minniti nel corso della sua visita alla cittadina marinara. "La fruttuosa collaborazione tra il ministero degli interni ed il comune di Pozzallo - dice Ammatuna - comincia a produrre importanti risultati. Il primo è che ora nell’hotspot c’è una grande attenzione delle forze dell’ordine nei confronti di questa tipologia di fenomeno migratorio che ha portato anche all’arresto dei presunti scafisti. Il secondo risultato è che il ministero degli interni e quindi il governo nazionale attua iniziative concrete a sostegno di una comunità che svolge un compito importantissimo in nome e per conto della Sicilia, dell’Italia e dell’Europa.

Stessa cosa - prosegue Ammatuna - non può dirsi purtroppo nei confronti della Regione Siciliana che non ha mai avuto un ruolo e quindi non ha mai dato un sostegno concreto a quelle comunità che affrontano questo fenomeno con grande spirito di sacrificio e civiltà. Di recente si è insediato il nuovo presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, e a lui la città di Pozzallo si rivolge per iniziative concrete nei confronti della comunità. Si spera che in un futuro non molto lontano, il Presidente della Regione possa non solo visitare chi porta alto l’onore della Sicilia in tutto il mondo, ma anche sostenere concretamente la comunità pozzallese, magari mediante la firma di appositi protocolli - conclude il primo cittadino - tra il Ministero degli Interni e la Regione Siciliana così com’è tra l’altro accaduto per altre regioni del Sud Italia".