Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 19 Ottobre 2018 - Aggiornato alle 17:39
POZZALLO - 17/11/2017
Attualità - La Sovrintendenza ha avviato l’iter per il riconoscimento

Pozzallo, Casa La Pira sarà sito di interesse culturale

E’ «di notevole interesse etnoantropologico perchè legato a un illustre uomo politico, giurista e docente" Foto Corrierediragusa.it

La casa natale di Giorgio La Pira (foto) diventerà sito culturale. La sovrintendenza ai beni Culturali ha avviato infatti la procedura per arrivare a questa certificazione dopo avere posto la casa di via Giulia nel centro storico della città sotto tutela.

Il bene è stato dichiarato «di notevole interesse etnoantropologico perchè legato a un illustre uomo politico, giurista e docente che lì è nato e ha dimorato nei suoi primi anni di vita». La Soprintendenza ha già provveduto a porre il vincolo a tutela diretta sull’immobile, proprio per salvaguardare tale testimonianza. Per Nello Dipasquale si tratta di un doverso atto per tutelare la memoria del «sindaco santo» ma anche nei confronti della città per ricordare a tutti di essere stata la terra dove La Pira si è formato durante l’infanzia».

La casa è stata voluta come luogo di memoria dai familiari nel gennaio 2003, quando il nipote di La Pira, Angelo Angelino, figlio della sorella Peppina destinataria e custode delle lettere lapiriane ai familiari, ha allestito, con dedizione, un originale e prezioso percorso che narra le vicende degli anni giovanili.