Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 20 Novembre 2017 - Aggiornato alle 16:15 - Lettori online 1087
POZZALLO - 02/09/2017
Attualità - Un nutrito gruppo di aderenti a "Siciliani liberi" di tutte le provincie

Pozzallo, al porto protesta per il grano glifosato

Solo nel porto ibleo la Dogana registra un movimento di 22 milioni di chili provenienti da Stati Uniti e Portorico Foto Corrierediragusa.it

«Siciliani Liberi» al porto di Pozzallo (foto) per dire no al grano al glifosato e alle microtossine. Un nutrito gruppo di manifestanti provenienti da tutta la Sicilia con tanto di bandiere ha tenuto un presidio nell’area del porto dove ogni anno vengono scaricate tonnellate di grano glifosato. Il luogo della protesta non è stato casuale perché Pozzallo rappresenta uno dei porti di attacco delle navi container che scaricano cereali e grano proveniente dal Canada che poi vengono commercializzati in tutto il territorio nazionale. Nei quattro porti siciliani interessati, Catania, Messina, Palermo ed appunto, Pozzallo secondo i dati ufficiali sono stati scaricati quasi 73 milioni di tonnellate di prodotto proveniente da Canada e Russia.

A Pozzallo la Dogana registra un movimento di 22 milioni di chili provenienti da Stati Uniti e Portorico. Il danno per i produttori agricoli italiani, e siciliani in particolare, è enorme ma è soprattutto la qualità del grano che lascia perplessi ed induce i «Siciliani Liberi» a chiedere misure severe di controllo. E’ una battaglia in difesa del grano duro siciliano ed alcune aziende si sono attrezzate per contenere gli effetti di una concorrenza che si gioca sul piano dell’abbassamento dei costi ma non certo della qualità.