Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 19 Novembre 2017 - Aggiornato alle 18:46 - Lettori online 874
PALERMO - 05/09/2017
Attualità - Si punta sulla banda larga

Digitalizzazione: grandi investimenti in tutta la Sicilia

Destinati 340 milioni di euro Foto Corrierediragusa.it

La Sicilia investe, e investe sulla banda larga e dunque sulla digitalizzazione: un duplice obiettivo che presto diventerà realtà per via di un corposo investimento previsto dall’Agenda Digitale, pari a 340 milioni di euro. Soldi che verranno impiegati per costruire le nuove infrastrutture necessarie per dotare la Trinacria di un collegamento Internet in fibra ottica di grande valore, così da diminuire sensibilmente il problema del digital divide. Ma i risultati potenziali – fra l’altro già previsti dall’Agenda Digitale – sono numerosi e tutti molto validi. Già detto della possibilità di dotare di una connessione virtuosa la Sicilia, l’obiettivo è anche quello di snellire la burocrazia delle Pubbliche Amministrazioni digitalizzandole, e dunque consentendo ai cittadini un accesso easy e smart tramite servizi telematici.

Sicilia: oltre 300 milioni verranno investiti sulla digitalizzazione
Dall’incontro tenutosi a Villa Igiea (Palermo) è emerso che dal fondo FESR, ospitante 4,5 miliardi di euro, saranno circa 340 i milioni che verranno destinati dall’Agenda Digitale alla Sicilia, con l’obiettivo di dotare l’Isola di una connessione all’avanguardia e con una copertura pressoché totale. Parliamo di una vera e propria sfida che coinvolgerà non solo gli attori pubblici ma anche quelli privati che, già adesso, stanno cominciando a gettarsi nella mischia, proponendo diverse offerte Internet molto variegate. Per i consumatori, poi, la scelta è oggi più facile anche per merito di siti online specializzati come comparasemplice.it, dove si possono consultare tutti i pareri dei clienti, come nel caso delle opinioni sull’offerta Fastweb SuperJet. In questo modo si possono avere dei riscontri reali sulla qualità di un servizio e avere più certezze nella scelta d’acquisto.

Sicilia 2020: odissea nella banda larga
La programmazione voluta dall’Agenda Digitale parla chiaro: la Sicilia, entro il 2020, sarà interamente coperta dalla connessione a banda larga. Una missione che consentirà di abbattere nettamente il divario digitale e di rendere quest’isola virtuosa e all’avanguardia da un punto di vista squisitamente digitale e tecnologico. Dall’e-commerce all’e-government, saranno tantissime le opportunità che potranno essere sfruttate non solo dai cittadini e dalle famiglie siciliane, ma anche dalle imprese che operano nel territorio e dalle PA, che potranno digitalizzarsi e snellire la lenta burocrazia storicamente appartenente all’isola.

Digitalizzazione in Sicilia: una mission che parte dai comuni
La diffusione della banda larga consentirà diversi vantaggi, a partire dai piccoli comuni della Sicilia, oggi di fatto tagliati fuori dalla rete. Qui spicca soprattutto un obiettivo particolare dell’Agenda Digitale, noto sotto l’etichetta di “Obiettivo Tematico 2”: digitalizzare le Pubbliche Amministrazioni per creare delle piattaforme telematiche di pubblico accesso e per modificare la gestione delle logiche territoriali, oggi lente e tendenti all’isolamento. Grazie alla digitalizzazione, la speranza è che i piccoli comuni possano cooperare in modo più semplice, così da favorire un accesso migliore ai propri cittadini e ovviamente una gestione più oculata delle proprie risorse economiche.