Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 17 Gennaio 2019 - Aggiornato alle 23:10
MODICA - 11/01/2019
Attualità - Intervento dell’assessore regionale alla Cultura alla mostra di Luigi Nifosì a Palazzo Grimaldi

Il fascino della Sicilia dal cielo. Tusa: "Tutelare la bellezza"

Le cento foto documentano i siti archeologici sparsi anche in luoghi remoti Foto Corrierediragusa.it

Salvaguardare la bellezza. Sebastiano Tusa, assessore regionale ai Beni Culturali ed archeologo, osserva il paesaggio siciliano a Palazzo Grimaldi osservando e commentando le foto di Luigi Nifosì. «Sicilia mai vista» è il titolo quanto mai opportuno della mostra ed in particolare della sezione ospitata a Palazzo Grimaldi per iniziativa dell’omonima Fondazione. Tusa, da archeologo di razza, conduce gli ospiti, a cominciare dal prefetto, Filippina Cocuzza (foto), attraverso le sale che ospitano le 100 foto riguardanti la Sicilia archeologica. Sebastiano Tusa ha modo di ribadire in sede di conferenza, dopo la presentazione del presidente della Fondazione Grimaldi, Giuseppe Barone, che la Sicilia si comprende al meglio nel suo sviluppo urbanistico dall’alto.

Si capisce la sua evoluzione dalla preistoria ai greci e poi ai romani. Gli scatti di Luigì Nifosì esaltano quella bellezza che Tusa sostiene bisogna salvaguardare e preservare per consegnarla al meglio alla memoria ed alla storia. «Queste foto – ha detto l’assessore- ci impongono di salvaguardare il nostro paesaggio». L’assessore ha poi annunciato che la Regione intende promuovere ulteriori campagne di scavi dopo qualche anno di stasi e incentivare la conservazione di tecniche e beni immateriali a cominciare dalla tecnica dei muri a secco, frutto della maestria di artigiani che hanno ereditato e preservano antiche e raffinate tecniche.